GDO News

Francia: La GDO sfida la ristorazione tradizionale con PL di alta gamma pronte da mangiare

000120748_5

In Francia cresce sempre di più il fenomeno dello Snacking, ovvero l’acquisto di prodotti food and beverage in GDO per un consumo previsto entro le due ore successive. I fattori trainanti del fenomeno sono vari, quali l’apertura sempre più frequente da parte di tutte le insegne di quelli che vengono chiamati “magasin de proximité”, ovvero piccole superette che vanno a coprire il ruolo di negozi di quartiere, ma anche la crisi economica che ha portato al cambio d’abitudine da parte dei consumatori, i quali acquistano direttamente sul punto vendita i loro snack, pranzi o colazioni, invece di rivolgersi alla ristorazione tradizionale. Non a caso, nei magasin de proximité gli articoli più venduti sono tutti quelli collegati al momento dell’aperitivo (alcolici, bibite e salatini) . Il fenomeno è davvero significativo, e le cifre sono in costante crescita, tant’è che le PL dedicate al mondo snacking, trasversalmente al settore merceologico d’appartenenza, sono fiorite negli ultimi anni. Un esempio significativo è senza dubbio quello di Carrefour che ha prima creato il suo marchio snacking chiamato”Bon App”, ma a anche valutato opportunità creare anche una seconda linea chiamata “L’envie du jour”, tradotto letteralmente “la voglia del giorno”, per prendere la fascia alta dei consumatori, e proporre piatti davvero comparabili a quelli della ristorazione tradizionale. Ad oggi questa seconda linea conta 25 referenze tra insalate (con ricette tipo “ricotta e mela granny” o “cereali,legumi misti e feta”, ecc), panini (formaggio di capra con mele e noci, pane con semi con speck, parmigiano e pesto, ecc), zuppa (ramen , minestrone all’italiana, ecc) o piatti (ravioli freschi, uovo in camicia County, piatti di pasce, ecc).

Questi articoli si stanno allontanando dai classici canoni di assortimento e di durata, visto che generalmente hanno una shelf life davvero ridotta: due o tre giorni per panini, insalate e sette per i piatti pronti.

000115912_5

Ma il fenomeno si estende a davvero tutti i reparti merceologici e a tutte le insegne. Recentemente si è visto comparire nel reparto ortofrutta delle banane “monoporzione” incelofanate dedicate appunto allo snacking, e sempre di più le industrie stanno creando dei nuovi packaging per i loro prodotti per renderli monoporzione e pronti all’uso.

ARTICOLI CORRELATI

Torna su