GDO News
1 commento

Il mercato Halal europeo, da un mercato etnico al mercato di massa

Halal

In Europa esiste un mercato alimentare che vale 17 milioni di potenziali consumatori, e su cui nel nostro paese il focus non è ancora acceso. Stiamo parlando del mercato Halal
A livello globale, il mercato pesa 600 miliardi di dollari (455 miliardi di euro), pari al 16% del alimentare, secondo l’agenzia Ecofin.
E in Europa ci sono insegne che se ne sono già accorte e stanno da anni investendo per accaparrarsi questi clienti.
Con un potenziale di consumatori stimato tra i 5 ei 7 milioni di persone, la Francia è il mercato halal più sviluppato seguito dalla Germania, dove ci sono 3-4.milioni di consumatori musulmani.
La grande La distribuzione in Francia, ha fiutato fin da subito il potenziale di questo mercato,come ad esempio Carrefour che ha addirittura creato una PL dedicata.
“L’interesse di questi grandi gruppi ha dato una spinta al mercato francese, che ha creato terreno fertile per le imprese interessate a svilupparsi in questo senso”, dice Abbas Bendali, co-fondatore e direttore del Solis società specializzata in studi di marketing etnico.
Non stiamo parlando di un fenomeno passeggiero,ma di un mercato ormai stabile, tra le vendite effettuate in GDO e i consumi legati alla ristorazione.
Secondo la società Solis, le vendite in GDO sono cresciute molto in valore negli ultimi anni, e il margine di crescita resta ancora alto perché i macellai tradizionali e i negozi di generi alimentari ancora restano detentori di una quota di mercato dell’80%.

Consumare “francese”, ma halal

Oltre alle opportunità commerciali, la Francia si distingue dai suoi vicini europei, attraverso una gamma di prodotti halal “più diversificata e sofisticata”, dice il direttore di Parigi Halal Expo.
Nel Regno Unito ad esempio ancora oggi questo mercato è limitato alla carne nei supermercati.
“per un paio di anni il Regno Unito è stato avanti, trainato dalla comunità pakistana, ma ora abbiamo superato l’Inghilterra nel numero di prodotti certificati”, dice Abbas Bendali. Sugli scaffali dei negozi francesi, la gamma di prodotti halal è stato modernizzata.
Si estende alle caramelle,ai panini, alla pizza o ai biscotti, il baby food e anche ai cosmetici.
“Siamo passati da un mercato etnico al mercato di massa”, afferma Antoine Bonnel, secondo la quale il boom dell’ halal “non è un segno di una chiusura di una comunità”, ma piuttosto di “integrazione” . “I musulmani nati in Francia, che rimangono molto legati alle proprie radici culturali, vogliono consumare” francese “, ma secondo gli standard di certificazione halal.
” Sempre più, le coppie miste possono vivere insieme facilmente”, aggiunge il direttore di Parigi Halal Expo. “Con lo champagne, senza alcool e il foie gras halal , per esempio, possono festeggiare condividendo lo stesso rituale!”

Q COMMENTO
  1. MARCELLA77

    IO SONO ITALIANA E SONO CONTRARIA ALLA MACELLAZIONE HALAL. SONO STATA IN ALGERIA DA RAGAZZA E HO DOVUTO (GIUSTAMENTE) SEGUIRE LE REGOLE DEL POSTO CHE MI OSPITAVA. ORA IO NON CAPISCO PER QUALE MOTIVO I MUSULMANI PRETENDONO DI TROVARE IN ITALIA LA CARNE MACELLATA SECONDO UN RITO DISUMANO E MEDIOEVALE CHE IO ABORRO. SE VOGLIONO LA CARNE MACELLATA SECONDO I “LORO” SISTEMI CHE SE LA VADANO A PRENDERE AL LORO PAESE……
    MA TANTO, SI SA, E’ TUTTO QUESTIONE DEL “GIRO DI SOLDI” CHE C’E’ DIETRO….
    TANTI SALUTI

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su