GDO News
1 commento

“Callipo group” contro la norma che «invita a delocalizzare»

callipo

La Giacinto Callipo conserve alimentari spa e la Callipo gelateria srl, manifestano in una nota il proprio dissenso in merito al contenuto del regolamento Ce 1169/2011, entrato in vigore il 13 dicembre 2014, che vede le aziende di produzione non più obbligate a riportare sulle etichette dei propri prodotti lo stabilimento di produzione.

“Le aziende del nostro Gruppo – spiega Francesco Franco, procuratore del Gruppo Callipo – da sempre puntano sulla trasparenza e sulla valorizzazione del made in Italy. Per quanto riguarda la Callipo conserve, a esempio, da oltre 100 anni ininterrottamente manteniamo la nostra produzione completamente in Italia, difendendo la tradizione artigianale nella lavorazione del tonno che nella nostra Calabria è secolare. Allo stesso modo per la Callipo gelateria la produzione avviene nel nostro stabilimento di Pizzo. È evidente che tale normativa potrebbe favorire invece le aziende che hanno interesse a delocalizzare all’estero la produzione, senza dichiararlo ai consumatori”.
Le due aziende hanno deciso, pertanto, di appoggiare la petizione sottoscritta da altre aziende alimentari e da importanti catene della Gdo (grande distribuzione organizzata), e manifestare il proprio dissenso in merito a tale regolamento, chiedendo così alle istituzioni di intervenire perché «rimanga l’obbligo di riportare in maniera testuale sull’etichetta dei prodotti alimentari l’indicazione dello stabilimento in cui sono stati lavorati a maggiore garanzia – conclude la nota – dei consumatori».

Tagged with: ,
Q COMMENTO

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su