GDO News
Nessun commento

Conad raddoppierà la quota di mercato in Veneto e Friuli Venezia Giulia: 45 nuove aperture

pugliese

“Conad investe ancora, entro il mese di marzo apriremo complessivamente 45 nuovi punti vendita: un’opportunità per i consumatori e i fornitori. Saranno 1.050 gli addetti che lavoreranno solo in Veneto, dove ci aspettiamo di diventare leader assoluti nei prossimi tre anni. Contemporaneamente faremo crescere i fornitori locali, un valore per il nostro consorzio. Ma attenzione: se passa il reverse charge fallirà mezza Gdo e mezza industria italiana…”. Un Francesco Pugliese in “salsa” agro-dolce quello che ha partecipato ieri a Padova al convegno “La cooperazione ha nuovi spazi” organizzato da Cia-Conad.

La cooperativa Conad Commercianti Indipendente Associati investirà 350 milioni di euro nei prossimi anni, mentre Conad punta su asset sharing, efficienza trasporti, riordino. Questi alcuni spunti emersi dall’evento patavino in cui Pugliese, Ad di Conad e leader dell’associazione distribuzione moderna (Adm), ha detto senza mezzi termini che “il reverse charge è un modo in cui lo Stato mette le mani in tasca alle imprese italiane: un provvedimento assurdo, al pari dell’articolo 62 e dell’etichettatura senza indicazione dello stabilimento”.

Conad in ogni caso accelera e accresce la presenza di proprie insegne nel Nord-Est attraverso l’acquisizione di 32 punti di vendita a insegna Billa tra Veneto e Friuli-Venezia Giulia da parte di Cia; occupano una superficie complessiva di oltre 28 mila metri quadri. Dei 26 Pdv in Veneto, si legge in un comunicato stampa, 14 porteranno l’insegna Conad City, il negozio di vicinato, 5 diventeranno supermercati Conad e 7, con una superficie al di sopra dei 1.500 mq, Conad Superstore. In Friuli Venezia Giulia saranno 5 mila i mq complessivi di superficie.

A questi si aggiungono i 13 punti di vendita in Veneto acquisiti da Dao (Dettaglianti alimentari organizzati) per una superficie complessiva di 12.520 mq. Per Dao, associata a Nordiconad, si tratta della prima vera espansione al di fuori dei confini “storici” in cui opera sin dal 1962, il Trentino Alto Adige. I 45 Pdv si vanno ad aggiungere ai 3.007 che Conad ha in attività nel 2014. Il cambio delle insegne si completerà entro la metà di marzo.

Conad punta a portare la presenza in Friuli Venezia Giulia e nel Veneto ad oltre il 10% (il doppio della quota attuale) nel giro di cinque anni.
“E’ un’operazione importante che mette assieme due cooperative del sistema Conad per dare vita ad un progetto che riguarda tutta la rete di vendita Conad”, ha sottolineato Pugliese. “I punti di vendita acquisiti rappresentano un ulteriore passo nella direzione di affrontare la congiuntura economica con lo sviluppo, gli investimenti, l’innovazione. Puntiamo a soddisfare appieno le nuove esigenze di spesa dei clienti, con prodotti e servizi che abbiano il migliore rapporto tra convenienza e qualità, e quelle di sviluppo dei nostri soci, con nuove e più capillari forme di distribuzione”.

“L’acquisizione dei punti di vendita Billa è una tappa importante del progetto di sviluppo che porterà a rafforzare la presenza di Conad nei supermercati e in una regione, il Veneto, in cui fino a pochi mesi fa avevamo pochi negozi”, il commento dell’amministratore delegato di Cia Luca Panzavolta. “Il nostro obiettivo è qualificarci su tante nuove piazze e meritare la fiducia di un numero crescente di persone: siamo leader di convenienza e lo sviluppo in FriuliVenezia Giulia e nel Veneto non potrà che portare vantaggi ad un numero crescente di clienti”.

“Siamo alla nostra prima autentica uscita dai tradizionali confini del nostro operare quotidiano”, ha annotato il presidente di Dao Ivan Odorizzi. “Puntiamo a raggiungere i 400 milioni di fatturato al dettaglio, 50 dei quali li attendiamo proprio dai punti di vendita rilevati in Veneto, con 130 soci imprenditori e 1.500 occupati”.

[via italiafruit]

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su