GDO News
Nessun commento

La GDO italiana va all’estero: il made in Italy finalmente si sveglia

copertina

Riapre il cantiere Marca in vista della fiera del 14-15 Gennaio 2015. Il tavolo dei lavori guarda all’internazionalizzazione così come, da tempo, vi guarda l’industria nel tentativo di risollevare i magri bilanci, ma anche la Distribuzione che inizia a scorgerne i vantaggi.

Ci si chiede allora: come internazionalizzare i prodotti italiani attraverso la marca commerciale?

Come può un Paese che non ha grossi distributori portare i propri prodotti all’estero?

Si tratta di un tema rilevante per lo sviluppo di imprese ed il rafforzamento della distribuzione, che sembra oggi subire il contraccolpo della crisi. Il meeting si è aperto con un’analisi della situazione attuale del Prof. Cristini di ADEM-LAB, che ha fatto anche da coordinatore per gli altri interventi: il focus dell’Ing. Gelati sui sistemi di certificazione e standard per l’export, i tre modelli di internazionalizzazione della distribuzione di Auchan, Conad e Carrefour, tre esperienze dal mondo industriale e, non poteva poi mancare, il rapporto IRI sulla marca commerciale del Dott. Marzoli. Cristini parte dall’importanza dell’industria agroalimentare italiana nell’economia: 220 miliardi, 8,7% del Pil, 13,2% quota degli occupati nel settore. L’industria agroalimentare è composta da piccole e medie imprese, in realtà in una visione globale dovremmo parlare di micro-imprese, che possono quindi trovare difficoltà nello sviluppare e difendere una marca, essere referenziati negli assortimenti GDO, entrare nei mercati internazionali.

Queste operazioni richiedono grandi investimenti sia in innovazione sia in comunicazione.

Le opzioni possibili per l’impresa che vuole rivolgersi all’estero sono:

GRAFICI, IMMAGINI E ALTRI CONTENUTI SONO RISERVATI AGLI ABBONATI

 
Tagged with:
Dati dell'autore:
Ha scritto 143 articoli
Diana Scanferla

E' un manager della GDO esperta nei settori Freschi e Surgelati. Nella sua esperienza professionale ha conosciuto sia il mondo dell’Industria dove ha mosso i primi passi che dalla GDO dove ha sempre lavorato. E’ un category manager moderno molto attento alle vendite oltreche agli acquisti.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su