GDO News
Nessun commento

Conad: un 2013 di successo. I numeri che riassumono un anno difficile. Pugliese da Direttore Generale ad Ad

creazioni d'italia

conad logoIl 2013 è stato l’anno peggiore dal dopoguerra e nei periodi di pubblicazione dei Bilanci, uno dei grandi attesi è quello di Conad. La Business Community si domanda come ha chiuso l’anno tra i più difficili dell’Italia moderna una azienda eccellente come quella di Via Michelino. Conad continua il suo trend di crescita in tutte le regioni italiane portando il giro d’affari a 11,6 miliardi di euro – 648 milioni più del 2012 (+5,9 per cento) – e rafforzando ulteriormente la leadership nel canale dei supermercati, al 18,5 per cento, e nei negozi di prossimità, al 14,3 per cento (fonte: Guida Nielsen Largo Consumo, II semestre 2013), e tale dato suona ancora più eccellente dato che la media nazionale delle vendite della grande distribuzione (ipermercati, supermercati e libero servizio) hanno conosciuto una pesante contrazione: -2,1 per cento. Al Sud la media nazionale è andata ancora peggio, -5 per cento (fonte: Guida Nielsen Largo Consumo, dicembre 2013). E’ dunque significativa la crescita di Conad in tutto il territorio nazionale, portando la quota di mercato (totale Italia) all’11,4 per cento. Migliorata anche la solidità patrimoniale, che ammonta a 1,95 miliardi di euro (+15,5 per cento). Altra notizia rilevante è la nomina ad Amministratore Delegato dell’ex Direttore Generale Francesco Pugliese che ha dichiarato: “Abbiamo ottenuto risultati positivi ma non possiamo ancora dire di esserci lasciata la crisi alle spalle. I consumi continuano a diminuire, si fa economia su tutto, compreso ciò che si porta in tavola rinunciando talora anche alla qualità. Viviamo una crisi diventata ormai strutturale, in cui la domanda interna non dà segni di ripresa. Per questo investiremo ancora, puntando a crescere e ad essere sempre più il punto di riferimento per la spesa di un numero crescente di persone”.

Il 2013 del Gruppo Conad

Nel corso del 2013 Conad ha rimodulato la propria rete di vendita, presente in 1.468 comuni e 108 province italiane. I punti vendita sono scesi a 3.019 (erano 3.067 nel 2012) per una superficie complessiva di 1.750.643 mq, cresciuta di 28.311 mq rispetto all’anno precedente: 40 ipermercati, 187 Conad Superstore, 936 Conad, 893 Conad City, 717 Margherita Conad e 246 altre insegne. Crescono le “piccole metrature”, la prossimità, il piccolo negozio di alimentari sotto casa con un buon assortimento anche di prodotti freschi, perché i clienti tornano a frequentare quelli che sono centri commerciali “naturali”, vale a dire le vie e i centri storici di città e paesi.

Ai risultati positivi del 2013 ha contribuito il buon andamento della marca del distributore, che prosegue nel suo trend di crescita a tassi superiori alla media di mercato. Le vendite di prodotti Conad sono aumentate del 15 per cento rispetto all’anno precedente, con un mercato che – a totale Italia iper e supermercati – ha guadagnato solo il 5 per cento, generando un fatturato di 2,5 miliardi di euro.

La Private Label

creazioni d'italiaLa marca ha raggiunto una quota del 26,2 per cento (1,5 punti percentuali in più rispetto al 2012) distanziando – secondo le rilevazioni Symphony Iri – il totale Italia di 7,2 punti percentuali e garantendo la qualità da leader con una convenienza del 25-30 per cento. Dunque, più di un prodotto su quattro venduti è a marca Conad. La crescita è generalizzata in tutte le categorie merceologiche e si rivela fondamentale per accrescere la fedeltà all’insegna, tanto da essere leader nel 43 per cento e occupare la seconda posizione in un altro 30 per cento.

I Servizi

Sul fronte dell’innovazione di servizio, Conad ha in attività 23 distributori di carburanti che da novembre 2005 – anno di apertura del primo impianto a Gallicano, in provincia di Lucca – a fine 2013 hanno prodotto un beneficio per gli automobilisti di 55,2 milioni di euro, pari ad un prezzo mediamente inferiore di 8,6 centesimi di euro rispetto al prezzo medio comunicato dal ministero dello Sviluppo Economico. Le 73 parafarmacie hanno prodotto convenienza per i clienti per ulteriori 7 milioni di euro.

Si tratta di numeri ancora “esigui” per certi versi, complice il ritardo – se non lo stop – a cui vanno incontro le liberalizzazioni del mercato in materia di energia e farmaci, ma che si rivelano importanti anche per la funzione calmieratrice indotta sui prezzi praticati dalla concorrenza.

I reparti Ottico (12) e le Cremerie Sapori&Dintorni (22) completano il quadro dei servizi.

Nuova tappa anche per il progetto degli store Sapori&Dintorni con l’apertura di Sassari. A inizio 2014 ha preso poi avvio il programma di aperture nelle grandi stazioni ferroviarie italiane con l’inaugurazione a Roma Termini. La prossima sarà a S. Maria Novella, a Firenze.

Export

Conad è attivo anche sul fronte export. Recentemente anche Sigma ha comunicato alla stampa la propria decisione di esportare i prodotti italiani, tale attività è oggi una necessità sia perchè da un lato viene legittimata dalla qualità che esprimono le nostre PL e dall’altro dall’esigenza di sviluppare fatturati extra. Conad all’estero ha chiuso il 2013 con una crescita del 20,7 per cento, attestandosi a 60,3 milioni di euro, focalizzato sui prodotti italiani di maggior successo, sempre più presenti nei canali della grande distribuzione estera, a marchio Conad, Sapori&Dintorni Conad e Creazioni d’Italia, quest’ultimo creato esclusivamente per il mercato internazionale.

 

Conad conferma il piano strategico degli investimenti per il triennio 2012-2014 annunciato nel 2011 – 770 milioni di euro finalizzati a 260 nuove aperture e 5.800 assunzioni –, anche se ridimensionato a causa dell’applicazione dell’articolo 62 che ha drenato liquidità dalle casse di Conad per oltre 450 milioni di euro.

Lo scorso anno, Conad e UniCredit hanno siglato un innovativo accordo di factoring al servizio degli attori della filiera che ha raggiunto gli 800 milioni di euro di valore, consentendo alle imprese fornitrici coinvolte di disporre di un polmone finanziario non trascurabile nell’attuale panorama degli affidamenti.

 

Tagged with:

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su