GDO News
Nessun commento

FOOD ITALIA: finalmente una Fiera che offre la possibilità di vendere all’estero i nostri prodotti durante la stessa manifestazione. Presente la GDO straniera più importante.

fooditalia

fooditaliaL’economia italiana (PIL) sembra stia rallentando ancora dopo un inizio di anno incoraggiante, ed assieme a tale rallentamento, gli indicatori economici registrano un parallelo incremento della spesa pubblica. Tali dati si riflettono nell’economia reale e nella difficoltà, oramai congenita, per l’industria di produzione alimentare italiana a sviluppare numeri di ritorno positivi anno su anno all’interno del mercato Italia.

Si è scritto a più riprese su questa rivista della difficoltà che l’industria del nostro Paese ha, nonostante che sull’export il fatturato anno su anno abbia un numero positivo, nel vendere i prodotti all’estero. Quanta produzione alimentare d’eccellenza, spesso di carattere regionale, è già presente nei banchi dei Supermercati italiani e quanto, invero, sarebbero in grado di esprimere eccellenza anche all’estero se sapessero dove ed a chi rivolgersi? Il numero positivo dell’export quanto potrebbe migliorare?

L’Italia, si sa, è soprattutto l’espressione della Piccola Media Industria, e spesso questa non è preparata a somministrare aziende distributive straniere, dalla negoziazione, alla conoscenza della normativa in essere per arrivare alla sicurezza dei pagamenti.

In questo contesto è di vitale importanza l’esistenza di una Fiera straniera nata e concepita per agevolare l’industria italiana nelle attività di vendita all’estero: a Vienna dal 3 al 5 Ottobre si terrà la Fiera FOOD ITALIA una manifestazione a cui parteciperanno moltissimi operatori della Grande Distribuzione austriaca, tedesca e dell’Est Europa limitrofo (Repubblica Ceca, Ungheria, Slovacchia, Polonia, etc.).

Organizzatore di tale evento è un famoso Manager austriaco che per molti anni è stato Amministratore Delegato della Billa Italia nel periodo della sua crescita nel Bel Paese: Markus Praschl.

Markus Praschl è un profondo conoscitore del nostro Paese, della nostra cultura e produzione enogastronomica e soprattutto conosce perfettamente il potenziale che l’industria italiana è in grado di esprimere nel mondo della produzione alimentare. FOOD ITALIA, la Fiera di Vienna sull’alimentare italiano, ha proprio come obiettivo quello di creare relazioni e confronti B2B tra industria di produzione nostrana e la GDO straniera.

D: Dott. Praschl perché FOOD ITALIA ?

R: Per far incontrare il mercato, fatto di compratori, distributori e anche di consumatori, con le aziende che producono, dando ai produttori la possibilità di incontrare nuovi partner e far conoscere le carratteristiche uniche e la profondità di assortimento dei prodotti Italiani. La maggior parte dei distributori non ha la possibilità di visitare le fiere in Italia, per cui l’unico modo per avvicinare chi produce e chi compra è avvicinarsi ai compratori. Il target sono le piccole e medie imprese che non sempre hanno un ben organizzato ufficio export e/o una rete distributiva esistente. Questa è l’unica fiera dedicata che offre solo prodotti Italiani al di fuori dell’Italia.

D: FOOD ITALIA è organizzata come Fiera espositiva o è in grado di porre in essere negoziazioni immediate tra Distributore straniero e produttore italiano?

R: FOOD ITALIA è più di una fiera espositiva, gli operatori che vengono in fiera sono ovviamente interessati a vedere i prodotti ma troveranno anche il modo di assaggiare e vedere il modo di preparazione dei prodotti. Troveranno chef stellati che prepareranno ricette con prodotti Italiani, potranno degustare negli stand e questo faciliterà i contatti e i rapporti immediati, secondo lo schema parla, vedi, assaggia, compra. I consumatori che visitano la fiera potranno anche acquistare i prodotti esposti, tramite un sistema di casse centrali fiera. I dati delle vendite insieme alla possibilità di fare panel test, è in se strumento di vendita. I dati, se interessanti, potranno essere inviati ai buyer di comparto per informarli del gradimento ottenuto, sia come valutazione sensoriale sia come effettivo acquisto.

D: Possono partecipare con profitto immediato anche le aziende che vogliono esportare e non sanno come sono le normative ed i regolamenti per svolgere tale opera?

R: Certamente, L’Austria è in comunità Europea e questo facilita lo scambio merci, noi diamo il massimo supporto guidando i produttori verso i clienti finali, siano essi distributori o catene di supermercati, forniamo loro tutta la necessaria assistenza per organizzare la logistica e l’eventuale supporto a livello normativo, sia per l’Austria sia per i paesi dell’est

D: Cosa distingue FOOD ITALIA dalle altre Fiere del settore?

R: non esiste un concetto come FOOD ITALIA ne in Austria ne in altri paesi, visto che la fiera è riservata a prodotti Italiani. Inoltre il concetto di sviluppare education alla cultura della cucina Italiana, attraverso master chef con chef stellati Italiani in collaborazione con le scuole di chef locali, la presenza di corsi di assaggio professionali di vari prodotti (vino, olio caffè), rendono questa manifestazione unica anche all’interno delle fiere internazionali dedicate in ma.

D: Per iscriversi cosa bisogna fare?

R: Basta inviare un’e-mail a: office@fooditalia.at o andare su sito www.fooditalia.at e scaricare il modulo di iscrizione. Si ricorda di menzionare l’articolo GDONews.

 

 

Tagged with:
Dati dell'autore:
Ha scritto 757 articoli
Dott. Andrea Meneghini

Analista ed esperto di Grande Distribuzione alimentare.E’ un attento osservatore delle dinamiche evolutive dei format discount e supermercati in Italia ed in Europa. Opera come manager per alcuni gruppi alimentari sullo sviluppo all’estero, soprattutto nord Europa e Medio Oriente. Ha scritto il libro per la catena Lillo Spa “Vent’anni di un successo”.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su