GDO News
Nessun commento

CEDI SISA CENTRO SUD quadruplica il capitale sociale

sisa

sisaSi è svolta martedì 10 dicembre 2013 a Caserta l’assemblea dei soci del Ce.Di. Sisa Centro Sud per approvare l’aumento di capitale, che passa così da 2,5 mio di euro a 10 mio di euro. L’approvazione, avvenuta all’unanimità, consentirà di avere entro il 2015 una disponibilità di cassa quadruplicata con apporti di 2,5 mio annui a partire dal 2013.
Questa decisione presa da tutti i Soci del Ce.Di. è senza dubbio un grande segnale di unità all’interno della struttura e dimostra non solo la coesione esistente tra gli imprenditori, ma soprattutto la loro fiducia in Sisa e nei progetti che il Ce.Di. sta realizzando con determinazione e ottimi risultati.
Le modificate situazioni di mercato, le nuove normative a cui non è estranea la rigida applicazione dell’art. 62, la restrizione del credito e i restrittivi atteggiamenti commerciali di alcune grandi aziende fornitrici hanno così avuto una risposta diretta da parte di questo Ce.Di. Sisa.
Con queste nuove condizioni di autofinanziamento diretto ed immediato ora esistono le condizioni per livelli operativi diversi e più adeguati; la speranza è che tutti ne prendano atto, e al di là del presumibile formale atteggiamento positivo, ora ricorrano le condizioni per nuovi equilibri commerciali e finanziari. L’espressione della base dimostrata con questa delibera ottenuta all’unanimità, è oltretutto una chiara dimostrazione della incondizionata fiducia concessa ai vertici della società. La solidità, la compattezza sono state riconfermate e dimostrate con i fatti.
Il Sud Italia dimostra ancora una volta come vi siano aziende sane e quindi perfettamente in grado di trainare l’economia locale.
Il Ce.Di. Sisa Centro Sud chiude il 2013 con un fatturato superiore a 800 mio di euro e continua a dimostrarsi una realtà imprenditoriale tra le più importanti e dinamiche del Sud Italia, e in grado, con questa delibera assembleare, di quadruplicare il proprio capitale sociale nell’arco di due anni.
Sviluppato in 5 regioni (Campania, Puglia, Basilicata, Molise e basso Lazio), è un punto di riferimento all’interno del suo territorio di competenza, dove distribuisce per un valore di circa 3,5 mio di euro al giorno grazie ad una squadra compatta, in grado di avere quella visione e quella capacità di innovazione che sono alla base del successo, dove l’impegno di tutti resta quello di perseguire gli obiettivi comuni del Ce.Di.: servire al meglio il consumatore, con professionalità, lealtà, cercando sempre l’eccellenza e la qualità operativa.
Da segnalare in particolare il lancio del brand Primo, la private label di primo prezzo di Sisa di cui il Ce.Di Sisa Centro Sud è stato il grande propulsore in questi ultimi anni. Una sfida vinta attraverso il restyling grafico di tutta la linea e l’inserimento di sempre nuove referenze, assecondando le esigenze dei consumatori, le variazioni nelle abitudini d’acquisto e i cambiamenti nel mercato della DO.
Anche questa una strategia vincente che ha visto, nel 2013, il fatturato registrato da Primo raggiungere la cifra di 25,7 mio di euro, con una percentuale prossima al 20% se paragonato con le categorie dove il brand è presente.
In una nota congiunta la soddisfazione dei due amministratori del Cedi Sisa Centro Sud, Aldo Pettorino ed Elpidio Politico che riportiamo: “siamo molto soddisfatti del risultato dell’Assemblea, che consentirà al Ce.Di. Sisa Centro Sud una capitalizzazione particolarmente importante. Vogliamo ringraziare i soci che hanno creduto in questa iniziativa, concedendo l’unanimità alle decisioni assembleari riconfermando nel contempo la fiducia nei nostri confronti”.

Dati dell'autore:
Ha scritto 192 articoli
Italo Gherardi

Dottore in Economia e Commercio, esperto di grande distribuzione e finanza della GDO. Dopo aver ricoperto per anni ruoli dirigenziali in ambito bancario ha concentrato la sua attività nella consulenza alla grande distribuzione rivolta alla analisi della solvibilità delle aziende.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su