GDO News
Nessun commento

Private Label: il passaggio dall’industria all’insegna

fatto

La rivista On Line Il fatto Alimentare ha svolto una interessante indagine sulle fette biscottate a Marchio e le fette biscottate della Grissin Bon. Ne pubblichiamo l’articolo sottolineando come il concetto di Brand sia oggi ad un crocevia nell’evoluzione della Private Label, il passaggio dal Brand industria al brand Insegna si sta cercando di compiere. L’arma che l’industria deve continuare a detenere è quella dell’innovazione, persa la quale il crocevia si sbilancerà verso l’insegna.

Da Il fatto Alimentare del 24 Ottobre a firma Claudio Troiani

Le fette biscottate della Conad sono uguali a quelle marchiate GrissinBon. È questa la sintesi del confronto che Il Fatto Alimentare ha realizzato analizzando le confezioni di “Le Fresche Biscottate” classiche GrissinBon con le fette biscottate Conad, prodotte dalla stessa azienda a S. Ilario d’Enza (RE). Basta leggere l’elenco degli ingredienti per rendersi conto che le ricette e i valori nutrizionali sono uguali (farina di grano tenero tipo 0, olio di palma, zucchero, crema di lievito, estratto di malto d’orzo, Presal® sale iodato – sale, iodato di potassio 0,007%). Si tratta dello stesso prodotto con un’unica differenza: il tipo di confezione e il prezzo. Le Fresche Biscottate GrissinBon acquistate nell’ipermercato Leclerc-Conad nel formato da 250g (32 fette suddivise in otto porzioni) costano cinque €/Kg mentre il prodotto Conad nel pacchetto da 315g, contiene 40 fette non porzionate e si compra a 3,33 €/Kg. Le fette biscottate Conad sono prodotte dalla GrissinBon a S. Ilario d’Enza. Oltre a Conad, la GrissinBon realizza fette biscottate anche per molte altre catene di supermercati come: Coop, Esselunga, Despar, Sisa, Finiper, Carrefour e Unes. I prodotti sono omogenei e i capitolati si differenziano di poco, a seconda delle richieste specifiche delle insegne. Sugli scaffali dei supermercati le fette biscottate GrissinBon si possono trovare in diverse varianti: Classiche, Integrali, Cereali, Kamut® e Bio. In alcuni punti vendita è presente anche una versione più economica e spartana da 330g con un prezzo al Kg intorno a 2,8 euro (circa 0,9 euro a confezione), non presente però sugli scaffali dell’ipermercato del rilevamento. Anche questa versione è identica a “Le Fresche Biscottate”. GrissinBon vende a 2,8 euro €/Kg una versione più economica, identica a quella “elegante”.

La conclusione del confronto è che siamo di fronte ad un produttore che rifornisce gran parte dei supermercati con fette biscottate simili, per non dire che a volte sono uguali. C’è quindi la concreta possibilità di risparmiare il 20% circa scegliendo le marche dell’insegna che infatti rappresentano il 23% delle vendite totali.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su