GDO News
11 Commenti

MD Discount ed LD market: insieme inizia una nuova era

Nelle più importanti testate dei quotidiani nazionali nel fine settimana è uscita una pagina pubblicitaria di un’insegna Discount che in modo chiaro si presentava al consumatore: quella di MD Discount ed LD Market. Nella pagina si spiega al consumatore che il Gruppo MD completa la sua presenza a livello nazionale superando i 700 PdV con una mission sempre più netta: far risparmiare senza rinunciare alla qualità. E’ un po’ il refrain che lo scrivente spiegava nello scorso numero quando concentrava l’attenzione sull’evoluzione del format Discount verso la frontiera dei supermercati, un tempo riconosciuti come i depositari della qualità, ed oggi insidiati dai Discount anche sul loro terreno privilegiato. MD si presenta al mercato così, con semplicità ma allo stesso tempo con determinazione, con la volontà di essere leader, un riferimento certo per il consumatore che cerca il risparmio. Ieri a Milano si è svolta una convention del Gruppo per la presentazione a tutta la comunità di LD Market del Gruppo Lillo Spa. Patron Podini, nel suo intervento, ha voluto far percepire un modo diretto l’aria che si respira il MD da sempre: l’unione, il gruppo, la comunione d’intenti, e chiarire che l’obbiettivo è dare a tutto il gruppo, quindi anche ai nuovi appartenenti, questo tipo di atteggiamento professionale, positivo e vincente.

Il Presidente ha colto l’occasione per dare vigore e determinazione ad una “truppa” che negli ultimi mesi si era trovata spaesata dalla clamorosa vendita. E’ una bella sfida per Lillo Spa quella di conquistare la leadership di mercato , cosa possibilissima con i 700 ed oltre punti di vendita. Ma vi sono alcuni scogli da superare: in primi saper amalgamare i due Brand, due tradizioni, due distinti consumatori. Il Gruppo ha due soluzioni davanti a sé: riconoscere la forza dei due Brand nei rispettivi territori oppure iniziare un lento processo di assimilazione dei Brand. Va in questa direzione la presentazione al mercato compiuta sulle pagine dei quotidiani più importanti nel passato fine settimana, l’intenzione di unire i due Brand uno di fianco all’altro è una maniera di presentarsi e di dichiarare un’unione. E’ un atto di coraggio compiuto con delicatezza. Gli assortimenti, il personale, la comunicazione saranno tutti territori dove il percorso sarà disegnato con attenzione e decisione, ma con un obbiettivo oramai dichiarato: la leadership.

Dati dell'autore:
Ha scritto 765 articoli
Dott. Andrea Meneghini

Analista ed esperto di Grande Distribuzione alimentare.E’ un attento osservatore delle dinamiche evolutive dei format discount e supermercati in Italia ed in Europa. Opera come manager per alcuni gruppi alimentari sullo sviluppo all’estero, soprattutto nord Europa e Medio Oriente. Ha scritto il libro per la catena Lillo Spa “Vent’anni di un successo”.

11 COMMENTI
  1. giuseppe cantatore

    complimenti a Patrizio Podini da un ex collega. Riuscirà ,come sempre, nelle sue iniziative ad avere successo. In bocca al lupo!!!

  2. giovanni braghetto

    La società LD discount è passata dalla padella alla brace.
    i precedenti azionisti pur con i loro mal di pancia, hanno lasciato gestire l’azienda ga un management qualificato che nel tempo è stato in grado di raggiungere successi ben visibili nel mondo della distribuzione. Con l’acquisizione da parte della Lillo spa purtroppo non riesco ad immaginare come due culture, professionali e non, così profondamente differenti possano coesistere senza avere ripercussioni economiche negative.
    Ricordo che la società Ld è stata ceduta solo per ovviare alle difficoltà economiche del gruppo Lombardini, non per mancata redditività.

    1. enzo vitale

      Buongiorno,
      rispondo con cognizione di causa al Sig. Giovanni Braghetto:Lei non riesce ad immaginare la coesistenza perché, in realtà, non conosce la cultura aziendale di Lillo spa……molto più nordica di quanto non immagini!!!

  3. preoccupato

    ora nulla ma da gennaio mi chiedo che cosa succederà per tutti i dipendenti assorbiti da Gros Market e Comprabene con i contratti a termine, che intenzioni ha MD su questo problema ?

  4. lello

    in ld management qualificato? bella questa
    ma ci hai lavorato dentro ?
    hai la più pallida idea di come sono trattate le persone? di come sono gestite le risorse? di come delle persone inqualificate sono in posti dove non dovrebbero essere?
    gli unici che hanno permesso alla baracca di avere redditività non sono certo loro, ma i poveri diavoli che ci lavorano dentro ogni giorno, spesso gratis, e con un riconoscimento nullo

  5. Giuseppe

    La valutazione a medio termine di un azienda va di pari passo alla valutazione della gestione delle risorse del personale…
    Non conosco le due aziende…sotto questo aspetto.
    Altre aziende discount o similari ( every day Low price)…hanno gestioni dei collaboratori a dir poco vergognoso.
    Gonfiano le produttività sfruttando le risorse…ma prima o poi esploderanno…
    Esselunga insegna sempre…

  6. rizla

    i marchi di fantasia di md sono gli stessi della d+, mi chiedo cosa penserà il consumatore se ld inizierà a vendere gli stessi brand della d+. Come potranno mai sfidare i supermercati se i servizi e il personale sono risicati al’osso. Come diceva il cavaliere è il personale che dà l’immagine aziendale ma l’attenzione al cliente è pari a zero o quasi..

  7. Antonio Lombardo

    Buongiorno
    Rinnovo gli Auguri alla MD lillo, dalla Proprietà a tutto il team dirigenziale.
    oggi più che mai il Cavaliere, si troverà a confrontarsi con le multi nazionali, rulli compressori che non perdonano sbagli. Bisognerà pensare alla grande, far quadrato con i propri specialisti(fedelissimi), guardarsi a torno e portare a casa il meglio delle esperienze altrui.
    Cordiali Saluti
    Antonio Lombardo

  8. Mauro

    Come ex dipendente Lombardini, prima Pellicano poi Case del Detersivo e di striscio LD,posso dire che già verso la fine degli anni novanta il gruppo Lombardini cominciava ad evidenziare problemi di Menagement,persone sbagliate nei posti sbagliati con scelte sbagliate ergo crisi del gruppo e vendita dei pezzi pregiati, con questo non faccio di tutta un’erba un fascio, persone in gamba ce ne sono state ma non sufficienti a fermare il declino
    . Vedo bene questa acquisizione ma a mio avviso bisognerebbe subito mettere i puntini sulle risorse umane onde evitare spiacevoli inconvenienti.

  9. Antonio Lombardo

    Salve Mauro
    spero farai ancora parte del gruppo ld in quanto pur ricoprendo cariche o ruoli non chiave, ti confermo che l’esperienza mi insegna che il modo per relazionarsi con i dirigenti giusti se lo si vuole si trova. Ovviamente dietro ogni cambiamento vi è il rovescio della medaglia, dipende dal punto di vista ma cosa determinante è sposare il progetto, l’obiettivo…
    Non vorrei fare un discorso a due ma in queste argomentazioni mi piacerebbe coinvolgere dirigenti della MD in particolar modo il Capo Divisione Tutela Patrimonio e Sicurezza.
    Saluti

  10. umberto

    volevo sapere ma si sono assorbiti pure ld in sardegna a carbonia!

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su