GDO News
Nessun commento

Bio, mercato di nicchia ma di valore

Il biologico in Italia è ancora una nicchia.

Da una parte c’è una produzione di qualità che spesso tocca vette d’eccellenza ma dall’altra c’è un livello medio di prezzi che mal si concilia con le attuali capacità d’acquisto della maggioranza degli italiani. Questo mercato non è mai decollato in modo significativo ma è sempre cresciuto lentamente a partire dai primi anni del 2000. E oggi tiene, nonostante la crisi e la riduzione dei consumi. Crescono in particolar modo le Private Label, anche a doppia cifra, mentre si sperimentano nuovi concept e si lanciano nuovi prodotti ad alto contenuto di servizio. Ci sono i margini per un ulteriore miglioramento della categoria.E i miglioramenti passano soprattutto da un miglior collegamento fra produzione e distribuzione e da una comunicazione che renda chiari a tutti i valori aggiunti di un prodotto biologico certificato. Anche con gli inevitabili scandali di qualche falso biologico che non ha di certo aiutato il settore, la fiducia da parte del consumatore non manca. Le indagini condotte sui comportamenti dei consumatori di prodotti biologici, indicano che questi sono due volte più propensi a preferire per gusto, qualità ed efficacia il biologico piuttosto che il prodotto tradizionale. L’innovazione in questo mercato continuerà ad essere un’area che sia i dettaglianti che i produttori potrebbero sfruttare per differenziarsi dalla concorrenza. Aver successo nella categoria significa avere prodotti pertinenti ai bisogni del consumatore, ma raggiungere una base di consumatori più ampia richiederà anche una sensibile strategia di comunicazione. Scelte consapevoli in questa area potrebbero fare la differenza tra una buona iniziativa e una iniziativa di successo.

Dati dell'autore:
Ha scritto 192 articoli
Italo Gherardi

Dottore in Economia e Commercio, esperto di grande distribuzione e finanza della GDO. Dopo aver ricoperto per anni ruoli dirigenziali in ambito bancario ha concentrato la sua attività nella consulenza alla grande distribuzione rivolta alla analisi della solvibilità delle aziende.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su