GDO News
Nessun commento

Iniziativa originale online per Megamark: prodotti alimentari di nicchia esclusivi

dok

Il Gruppo Megamark offre da pochi giorni un nuovo servizio: sul sito www.prenotaeritira.it i clienti potranno scegliere tra i prodotti presenti, ritirarli e pagarli direttamente in uno dei 370 supermercati A&O, Dok, Famila e Iperfamila presenti in Puglia, Basilicata, Molise, Campania e Calabria. Non solo elettrodomestici, dispositivi tecnologici, articoli per la casa e il tempo libero, ma anche alimentari di nicchia e difficilmente reperibili come latte di capra, vini e rum ricercati, cesti di frutta esotica.
«Dopo gli ottimi risultati raggiunti in un anno di test e riservato ai soli supermercati Dok, siamo pronti a offrire questo servizio a tutti i nostri clienti. Con il sito prenotaeritira.it – dichiara il Cav. Giovanni Pomarico, presidente del Gruppo Megamark – veniamo incontro alle esigenze della vita di oggi. I nostri clienti potranno visitare il sito, semplice ed estremamente intuitivo, visionare i prodotti, ordinarli e poi ritirarli nel punto vendita più vicino».
I risultati della sperimentazione partita nell’aprile 2012 sono stati lusinghieri; in dodici mesi si sono contate 4.000 prenotazioni e il sito dei supermercati Dok ha ricevuto mediamente 60.000 visite al mese.
Che questa tipologia di acquisti sia molto utile lo confermano anche i dati raccolti con una indagine svolta tra i clienti Dok che ne hanno usufruito almeno una volta: per il 98% sito e procedure sono risultate semplici, il 68% dei rispondenti si ritiene molto soddisfatto, il 26% ha addirittura trovato un servizio che andava oltre le proprie aspettative. Ad approfittare della possibilità di fare la spesa on line soprattutto donne (il 55%) e persone con più di 45 anni di età (57%, contro il 26% della fascia tra 35 e 45 anni e il 6% delle giovani tra 25 e 30 anni).

 

Dati dell'autore:
Ha scritto 516 articoli
Dott. Alessandro Foroni

Esperto di sociologia, organizza reti vendita e merchandising a livello nazionale, prepara i funzionari alla negoziazione con il trade.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su