GDO News
Nessun commento

Panel test plum cake: Barilla è una conferma ma la sorpresa è D Più!

mulino-bianco-plumcake

Anche per il focus sulle merendine GDONews ha condotto un piccolo test che, ribadiamo non ha pretese di scientificità, ma che aiuta a farci un’idea delle impressioni del consumatore.
Come nel test sui biscotti abbiamo fatto assaggiare a 89 consumatori (un po’ meno rispetto al panel precedente a causa delle difficoltà dovute alle forti nevicate di questi giorni) il plum cake di varie marche e insegne. Il test si è svolto presso 5 ristoranti dislocati al sud, centro e nord Italia nelle città di Brescia, Modena, La Spezia, Roma, Napoli. L’età media dei consumatori è risultata essere 39 anni e, come per i biscotti, il test si è svolto a fine pasto.
Il leader di mercato su cui è stato costruito il confronto è il plum cake del Mulino Bianco Barilla confrontato con i prodotti a marchio Coop, prodotto da Dino Corsini di Crespellano (BO), Selex (Famila), prodotto dall’Industria Dolciaria Pattini di San Secondo Parmense (PR), D Più Discount, prodotto da La Buschese di Ariccia (RM).

Il risultato del test è riassunto nella seguente tabella:

Sofficità Gusto Profumo
Mulino Bianco Barilla 4,14 4,57 4,12
D. Corsini (Coop) 2,40 3,50 3,06
I.D.Pattini (Selex Famila) 3,57 3,71 3,14
La Buschese (D Più) 3,91 4,29 3,71

 

E’ importante sottolineare che tutti i prodotti sono stati giudicati ottimi, ma le differenze sono emerse. In effetti alcune caratteristiche che avevamo incluso nel test, come la burrosità, sono state alla fine escluse in quanto per alcuni costituivano un aspetto positivo e per altri negativo.
I plum cake del Mulino Bianco si confermano come prodotto di altissima qualità, sia per sofficità che per gusto, ed è il vero target per gli altri produttori. Un ottimo risultato è anche quello del prodotto La Buschese che è risultato più gradito degli altri plum cake a marchio d’insegna. Il prodotto Selex si distingue per la confezione più piccola da 6 pezzi (190 grammi) a differenza dei concorrenti che presentano tutti confezioni da 10 pezzi (330-350 gr), a conferma del fatto che l’azienda di Trezzano Sul Naviglio in questo periodo è molto attenta all’incidenza delle varie referenze sul valore dello scontrino.
Molto curioso infine è stato un aspetto sottolineato da molti consumatori: è importante che il plum cake si stacchi completamente dalla carta che lo avvolge, sotto questo aspetto un leggero vantaggio lo ha dimostrato il prodotto Coop.
In conclusione possiamo affermare il nostro test/gioco, come amiamo definirlo, conferma da un lato l’alta qualità del leader di mercato Barilla, ma anche l’ottimo livello dei marchi d’insegna, tra i quali sorprendentemente si distingue il plum cake D Più: come per i biscotti il discount si dimostra all’altezza del canale tradizionale.

Tagged with:
Dati dell'autore:
Ha scritto 516 articoli
Dott. Alessandro Foroni

Esperto di sociologia, organizza reti vendita e merchandising a livello nazionale, prepara i funzionari alla negoziazione con il trade.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su