GDO News
10 Commenti

No Food: I “negozi cinesi” ci battono nettamente e rubano clienti alle insegne della GDS e della GDO

Vi siete mai accorti che ci sono città, molte oramai, che sono invase di negozi cinesi di importanti dimensioni tutte di prodotto no food? Ha fatto scalpore una recente apertura fatta laddove la Coop la fa da padrona, nella città di Ferrara, perché questo negozio sta facendo dei numeri che sorprendono. Il Corriere della Sera, interessata al fenomeno, ha scritto “ Undici ragazzi, età tra i 20 e i 30 anni, tutti rigorosamente cinesi, immigrati di seconda o terza generazione. La cortesia è tipicamente orientale, ma tutto il resto è occidentalizzato. Bandierine tricolori sventolano dal soffitto. E il principale requisito per l’assunzione è l’obbligo di parlare l’italiano, «almeno quello di base: guai non capire il cliente». Anche perché la clientela, per la stragrande maggioranza, è italiana: gente attirata dai prezzi bassi, per non dire stracciati, di questo ipermercato di 1400 metri quadrati (con i magazzini arriva a 2 mila), piazzato strategicamente da qualche settimana alle porte di Ferrara, a un tiro di schioppo dall’autostrada, al fianco di aziende italiane già affermate «così da sfruttarne la scia in termini di clientela» confessa con candore Chen Jin, 29 anni, responsabile del neo mega store, dopo aver fatto la trafila, da magazziniere a commesso. Vendono di tutto, gli uomini della «Yi Gou», persino i presepi scontati. Più di 600 articoli. Solo in parte «made in China»: «Abbiamo firme italiane, inglesi e francesi» afferma una delle commesse, Chen Xiaolei, 22 anni, arrivata da bambina nel Ferrarese. «L’offerta – prosegue – è molto estesa: abbigliamento di ogni genere, calzature, oggetti per la casa, detersivi, giochi, addobbi natalizi, sanitari: solo l’alimentazione non è prevista». «Ce la vogliamo giocare, anche se sarà molto difficile» prosegue Jin, convinto che l’arma qualità-prezzo potrà essere decisiva, ma altrettanto consapevole che da queste parti, e con concorrenti dalle spalle così larghe, il rispetto delle regole sarà molto più che un optional. I dipendenti sembrano formichine in moto perpetuo. Si lavora dalle 9 alle 20, senza giorno di chiusura. E i prezzi sono bassi: difficile trovare un articolo che superi i 30 euro. Chiedere come fanno è come chiedere il nome di chi tira le fila di questo business già sbarcato, e con successo, in alcune città dell’Inghilterra. Pare che la proprietà faccia capo ad alcuni fondi d’investimento in mano a potenti industriali cinesi. Al telefono, dalla sua casa di Ancona, risponde Paolo Xie, 40 anni, nato in Cina e arrivato in Italia 25 anni fa. Dice di aver preso in affitto la licenza del ramo d’azienda: «È stato un investimento graduale. I primi centri commerciali li ho aperti due anni fa in provincia di Ancona e ora tentiamo in Emilia… ».”. Ma l’esempio dell’articolo è uno,  di fatto le città italiane sono piene di questi magazzini, e tutti sono colmi di consumatori. I responsabili o anche i proprietari sono tutti giovani, difficilmente superano i 40 anni, sulla pagina facebook abbiamo anche pubblicato un altro articolo che racconta di una giovane coppia di cinesi che ha acquisito in autunno un grande capannone ex dal Cin ed esprimono una grande voglia di fare business, hanno idee, denaro e grandissima volontà. Sulla nostra pagina Linkedin si è aperto un interessante dibattito intorno a questo tema: Stefano Tazzioli del Gruppo Bricofer in un post sostiene che “…dopo articoli in prima pagina dove venivano contestati i giocattoli cinesi poichè prodotti con coloranti nocivi e tossici per la salute..abbiamo gli italiani che fanno la coda nei loro store…che amarezza.”. E’ un punto di vista il suo, è sicuramente un fatto che si siano trovati giocattoli nocivi per la salute in store cinesi, ma anche noi avevamo le nostre mozzarelle blu, insomma nessuno è profeta in patria. Mario Donadio, Store Manager, domanda e si domanda “La libera concorrenza merita rispetto ma loro rispettano tutte le regole, soprattutto quelle del lavoro?”. Filippo Giannuzzi, delle Fattorie Chiarappa, fa notare “Forse non avete letto bene l’articolo: la proprietà è cinese, ma in questo iper sono presenti prodotti italiani, inglesi e francesi e una piccolissima quota di prodotti cinesi”. Questa riflessione si avvicina alla nostra, ovvero quella secondo cui le armi vincenti di questi negozi, oggi veri competitor dei nostri Ipermercati o dei nostri Superstore, sono il punto di incontro di diversi fattori legali o meno: quelle del lavoro, ma è anche vero che le insegne italiane assumono stagisti i cui costi sono davvero relativi, ma anche la struttura della loro offerta, chi ci dice che la nostra è meglio pensata? Che è più convincente?

Dati dell'autore:
Ha scritto 749 articoli
Dott. Andrea Meneghini

Analista ed esperto di Grande Distribuzione alimentare.E’ un attento osservatore delle dinamiche evolutive dei format discount e supermercati in Italia ed in Europa. Opera come manager per alcuni gruppi alimentari sullo sviluppo all’estero, soprattutto nord Europa e Medio Oriente. Ha scritto il libro per la catena Lillo Spa “Vent’anni di un successo”.

10 COMMENTI
  1. C.Belotti

    Se la presenza di quache punto vendita cinese, ci spaventa, allora siamo proprio alla fine.
    E’ ovvio che queste nuove realtà, entrano grazie alle azioni (leggi errori) dei maghi della distribuzione no food; la fortuna è che per il momento l’assortimento in questi negozi è veramente di bassa qualità, ma bast che i vendor inizino a fornirli… e saranno problemi veri per tutti (vedi hard discount per la gdo).
    Del resto se riescono in 10 persone a gestire un punto vendita, dove le catene più nobili normalmente assumo almeno 30 persone, i risultati sono già chiari.
    Tutti prendevamo in giro Raynair & Easyjet, oggi il loro format di business (non senza problemi) è vincente, mentre zio Silvio si preoccupa che la nuova Alitalia non vada ai francesi (tranquillo non se la prende nessuno)
    Buon Anno..ne vedremo delle belle

  2. DONATO

    come si fanno a contattare per un offerta immobiliare? hanno uno sviluppo immobiliare?

  3. brazov

    Per loro è normale lavorare (sul serio) 16 ore al giorno per quattro soldi.
    Cè solo da sperare che, di questo passo, reputino l’Italia un paese del terzo mondo ove non valga la pena investire ….

  4. erni

    Chissà se i dipendenti sono tutti in regola …. io avrei molti dubbi in proposito !

  5. Dona

    E’ una ruota che gira: siamo andati per anni nella loro terra a sfruttare la loro gente e adesso ci comprano tutti. Complimenti! Siamo sempre i soliti furbi del deserto: ci piangiamo addosso e non facciamo niente. Ma cavoli!!! Tiriamo fuori se non amor di patria almeno un pò di amor proprio e facciamo qualcosa di concreto.

  6. lucia

    nel milanese,forse perche’siamo un po’ piu svegli,senza offesa per nessuno,dove siamo pieni di sti centri,ultimo un ex unieuro su 4 piani,da dopo natale ad oggi,potrebbero pure chiudere che sono vuoti di clienti,addirittura i parrucchieri tanto amati\odiati per i loro prezzi in zona centrale stazione se ne stanno andando.cosa vuol dire.?che in lombardia han capito che se non ci son soldi di sicuro non li spendono da loro per le loro merci di bassa qualita ovviamente impostagli.se cominciassero a vendere sul serio,per esempio giochi hasbro,dato che possono e lo fanno di rado ,pochi pezzi,fanno chiudere tutti.ma non possono…..senno’ non gli darebbero la possibilita di aprire…..chiaro il cerchio???

  7. Sergio Villa

    Mi chiedo e Vi chiedo si limitano solo all’ abbigliamento e accessori o vendoni anche alimentari ?
    Grazie.

  8. alberto

    No, almeno per ora non vendono alimentari, “solo” abbigliamento, calzature, giocattoli, casalinghi, tessile casa, ferramenta, articoli per la cura della persona, detergenza…
    Anche qui a Vicenza negli anni ne hanno aperti tantissimi e sempre più grandi (alcuni addirittura superano i 3.000 mq), i principali IL BAULE, F8, DASARA’ SUPERSTORE, AUMAI e HAOMAI, CASA NOSTRA, BAI-LI, FA-DA, GRANDI MAGAZZINI… Alcuni sono sempre pieni di clienti!

  9. PolPol

    Dott. Meneghini, una semplice domanda riguardo al titolo: ma in cosa i negozi cinesi ci battono nettamente ? Ha qualche dato oggettivo a supporto ?

  10. Giovanni

    Sono certamente una realtà da studiare in virtù dei cambiamenti dei consumi. Sono Responsabile di un piccolo gruppo di DIY e noto che da tempo nonostante i prodotti siano di bassissim qualità, ce un interesse sempre maggiore allla ricerca di oggetti che si comprano a poco prezzo ed anche se hanno vita breve, soddisfano comunque il desiderio di spesa. essendo un desiderio intrinseco in noi, lo si può esaudire a basso costo. credo davvero che dobbiamo monitorare bene questo business. ggrazie

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su