GDO News
Nessun commento

Tesco in procinto di lasciare il mercato USA

Contestualmente alla presentazione dei risultati trimestrali, Tesco ha annunciato una revisione strategica per i suoi 200 punti vendita Fresh & Easy negli Stati Uniti come conseguenza dei risultati sempre più deludenti.
Tutto il progetto di Fresh & Easy infatti non è riuscito a generare alcun profitto dal suo lancio, pur essendo nel suo quinto anno di attività. Tesco ha registrato una perdita complessiva di 782 milioni di sterline (1,25 miliardi di dollari) da quando il suo primo negozio è stato aperto nel novembre 2007, con investimenti complessivi di 1,2 miliardi di sterline (1,9 miliardi di dollari) fino alla prima metà del 2012. Nel terzo trimestre le vendite sono calate del 1,8%, una performance ritenuto inaccettabile da parte di Tesco.
La mossa arriva nonostante le ripetute smentite da parte di Tesco che sta pensando di lasciare gli Stati Uniti, mentre il fatto che Tim Mason, capo di Fresh & Easy, abbia lasciato subito è un segnale chiaro che una completa fuoriuscita dal mercato americano è una possibilità reale.
Le opzioni prese in considerazione includono la vendita totale della rete, frammentarie dismissioni o di rimanere negli Stati Uniti attraverso una joint venture.
Tesco ha confermato di aver ricevuto negli ultimi mesi un certo numero di approcci da parte di interlocutori interessati ad acquisire tutti o parte i punti vendita Fresh & Easy, o in collaborazione con Tesco per sviluppare il business. In particolare Walmart è considerato un potenziale acquirente di alcuni dei suoi Fresh & Easy nella West Coast dal momento che sta già sviluppando una rete di negozi di prossimità, in particolare in California, dove si trovano una serie di negozi Tesco.
I mercati hanno accolto la notizia con favore, segno che, sempre di più, investitori e soci non sono disposti ad accettare investimenti non redditizi.

 

Dati dell'autore:
Ha scritto 516 articoli
Dott. Alessandro Foroni

Esperto di sociologia, organizza reti vendita e merchandising a livello nazionale, prepara i funzionari alla negoziazione con il trade.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su