GDO News
Nessun commento

Cedi Marche inaugura nuovo Super di prossimità a san Marcello.

Tre comuni che formano un bacino di consumatori che non superano le 8 mila unità. Sulle colline della Provincia di Ancona si ergono questi stupendi paesi medioevali dove sino a Sabato scorso non esisteva nemmeno un supermercato, forse perché considerato un investimento rischioso. Il Cedi Marche ha così deciso di aprire una struttura di 800 mq con l’obbiettivo di ripetere, in piccolo, la rinnovata offerta, sia in termini di category che sotto il profilo strategico-assortimentale, che era stata presentata nell’apertura estiva del Superstore di Collemarino. GDONews, curiosa dell’applicazione di quel modello sulla prossimità, si è recata nuovamente in territorio marchigiano per vedere e raccontare il format.

In apertura ci ha accolto il reparto ortofrutta che viene presentato con la formula interessante propria del Superstore di Collemarino con uno spazio ed un assortimento leggermente più limitato: attrattivo nelle attrezzature e nei colori attraverso una saggia illuminazione, un carro siciliano pregiatissimo e coloratissimo ( in sostituzione del simpatico Apecar) primeggiava in mezzo al reparto nell’offerta di stagione, l’uva. La categoria è da tempo in fase di revisione, l’attenzione al territorio è peculiare, il prezzo è importante ma senza mai sacrificare la estrema qualità. “Stiamo lavorando moltissimo sulla categoria, la riteniamo strategica in termini di attrattiva, privilegiamo i produttori locali. Il consumatore ci sta dando ragione, abbiamo incrementato l’incidenza della categoria sulla sommatoria del fatturato di 2 punti percentuali” puntualizza il direttore Operativo Guglielmo Lento. Superata l’ortofrutta si presenta agli occhi del consumatore un’area promozionale dedicata all’area dei freschi con sei abbondanti vasche all’interno delle quali si trovano, tra gli altri prodotti, gli affettati da asporto in ATM a marchio d’insegna. Questo particolare merita una riflessione.

Cedi Marche negli ultimi sei anni, fra varie vicissitudini, ha dovuto cambiare tre volte insegna, passando da Conad per GS ed infine a SIconTE. Tre passaggi difficili e perigliosi che lo storico Presidente, oggi del Consiglio di Sorveglianza del Gruppo, Renato De Angelis, ha gestito con abilità e prudenza sino ad arrivare alla definitiva autonomia del Brand. “ E’ stato difficile – ci ha confessato De Angelis presente all’inaugurazione– in quel periodo Conad Nazionale ci vedeva aggregati ai cugini romagnoli o a quelli di Ascoli Piceno. Abbiamo voluto mantenere orgogliosamente la nostra identità e ci dirigemmo verso un marchio affermato, quello di GS. Quando il gruppo francese decise di rivoluzionare l’offerta del format supermercati a cominciare dall’insegna, sarebbe stato impossibile omologare la nostra offerta, la nostra tradizione ad un Brand internazionale. Così, oramai maturi e sicuri della nostra formula, abbiamo deciso di approdare in Selex e di offrire ai nostri consumatori la nostra insegna. Col senno di poi, non ci sarebbe stata scelta migliore”. Cedi Marche deve rafforzare il marchio d’insegna, e lo fa sui freschi con fornitori del territorio. Tutti ci mettono la faccia, come recita orgogliosamente il loro volantino. L’offerta prosegue con i freschi chiusi nei frigo, come vi abbiamo raccontato anche nello scorso numero parlando della Coop di Conselice. Il nostro dubbio sul pericolo di perdita di fatturato soprattutto sull’impulso viene sopito dal Direttore Operativo “ E’ l’ottavo punto vendita su cui proponiamo l’offerta dei freschi nei frigo chiusi. Dopo i Primi giorni di oggettivo calo –prosegue Lento –in tutti i casi abbiamo rilevato che i numeri tornano al loro livello senza perdite. E con un rilevante risparmio energetico”. Le carni, il pesce ripropongono il banco con i nebulizzatori per rendere lucido e brillante il prodotto in vendita. La cantina dei vini ripropone l’offerta dei prestigiosi vini locali in una coreografia accattivante come nel caso di Collemarino. Insomma è possibile riproporre un concetto di retailing sui diversi format e Cedi Marche ci dimostra come si fa. Nel video proponiamo le immagini di ciò che abbiamo raccontato, buona visione.

Dati dell'autore:
Ha scritto 744 articoli
Dott. Andrea Meneghini

Analista ed esperto di Grande Distribuzione alimentare.E’ un attento osservatore delle dinamiche evolutive dei format discount e supermercati in Italia ed in Europa. Opera come manager per alcuni gruppi alimentari sullo sviluppo all’estero, soprattutto nord Europa e Medio Oriente. Ha scritto il libro per la catena Lillo Spa “Vent’anni di un successo”.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su