GDO News
7 Commenti

L’analisi: che cosa succede alle vendite dei primi due mesi dell’anno?

I risultati dei primi due mesi del 2011 ci riportano un quadro piuttosto asfittico della GDO, che ricalca forse quello generale dell’economia. Il fatturato generale della Grande Distribuzione cresce dello 0,7%, ma con grosse differenze sulle aree geografiche: Nord-Ovest +2,3%, Nord-Est +1,0%, Centro +0,6% ed il Sud con un preoccupante -2,4%.
Questa generale crescita è sostenuta da due fattori principali. Da un lato lo sviluppo della rete e dall’altro l’aumento dei prezzi dovuto all’inflazione. Se si escludono questi due fattori la situazione non è delle più edificanti. Il trend a rete omogenea è del -0,8%, contro un -1,7% del 2010, e come nel 2010 la perdita di fatturato si concentra soprattutto nel canale Iper. Per quanto riguarda i prezzi la crescita stimata è dello 0,7% nei primi due mesi, concentrata soprattutto nei reparti frutta e verdura, ma in generale di tutto l’alimentare. Crescono i fatturati anche di panetteria e formaggi mentre sono in calo salumi, carne, pesce. Una menzione particolare meritano la carne preparata (-3,8%) e la gastronomia (-12,6%) che però crescono leggermente il volume di vendite, a differenza delle altre categorie che calano.
La performance del non alimentare è negativa con un -3,6% di fatturato (che diventa un -4,6% a rete omogenea). L’elettronica è il settore che trascina la perdita con un -7,2%, e la telefonia quello con la migliore performance con un +9,3%. Cresce molto bene anche il giardinaggio con un +4,3%.
Altro fattore dominante in questo inizio 2011 è crescita costante della marca commerciale, che arriva ad una quota del 17,3% contro un 16,4% dell’anno precedente. Lo spaccato vede la PL a marchio insegna con l’83,3% di quota, la PL primo prezzo al 5,6%. Questo fenomeno, come sottolineato più volte da GDONews, dovrebbe indurre la GDO a valutazioni generali più profonde sullo sviluppo delle proprie marche private.

[fonte IRI]

Dati dell'autore:
Ha scritto 516 articoli
Dott. Alessandro Foroni

Esperto di sociologia, organizza reti vendita e merchandising a livello nazionale, prepara i funzionari alla negoziazione con il trade.

7 COMMENTI
  1. Max

    Vorremmo sapere se c’e’ un database per verificare i dati
    regione per regione.
    Grazie.

  2. Tony

    Esistono fior di database anche a livello regionale… AcNielsen, SymphonyIRI… Ovviamente non sono gratuiti e neanche a buon mercato per i comuni mortali…

  3. ROBY

    ho visto in Calabria e Basilicata una nuova insegna discount “AL DISCOUNT” caratterizzata dal GRILLO l’assortimento ricorda molto quello dei SOSTY; infatti mi hanno detto che il pacchetto commerciale è stato creato da 2 ex buyer della ditta CPL di Pescara ; qualcuno sa dirmi di più?

  4. Raul

    X Roby: leggendo il tuo post, mi sono incuriosito e sono andato a vedere se esiste un sito internet. Esiste, ma dice le solite cose anche se obiettivo di sviluppo viene indicata l’area centro meridionale. Non elenca alcuna rete di punti vendita, per cui viene difficile capire come sono articolati sul territorio.
    Una domanda: potresti indicarmi dove si trovano i pv sul territorio calabrese?, sarei curioso di visitarne uno. Grazie.

  5. giulio

    Raul, per la rete basta che guardi l’ultima pagina del volantino in pdf scaricabile sullo stesso sito che hai trovato

  6. Raul

    Grazie Giulio. Ho controllato e vedo che i pv in calabria ancora sono numericamente pochi. Al più presto spero di visitarne qualcuno, cosi tanto per curiosità.

  7. giulio

    comunque diciamo che un buon 30% sono ex-alvi e che, per adesso, ha poco private label.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su