GDO News
Nessun commento

Coop è il gruppo più visibile su web, tra le riviste primeggia GDONews: interessante indagine di eXtrapola

E’ Coop Italia il gruppo più “visibile” online, almeno sulle fonti web “classiche”, mentre Carrefour primeggia fra gli “user generated content”. E’ quanto emerge dal report di eXtrapola, che ha condotto una ricerca su come sono comunicati e percepiti su internet dagli utenti i brand, i prodotti ed i servizi che riguardano le principali catene di supermercati italiani, per capire quale impatto possono avere i commenti dei consumatori su blog e forum sulle “brand reputation” della GDO.
L’indagine è stata realizzata su una ampia base di informazioni online raccolte nell’arco degli ultimi due mesi. Dall’analisi risulta che sono i classici media web “istituzionali”, come ad esempio i quotidiani online, che danno spazio più ampio ai temi più caldi relativi alla grande distribuzione. Il settore delle fonti cosiddette UGC (User Generated Content), quello in cui gli utenti interagiscono, come blog (tra cui la nostra rivista GDO News), forum e newsgroup risulta essere poco presidiato.

Alle spalle di Coop, fra i gruppi più “visibili” sulle fonti web tradizionali figurano Carrefour e Conad, mentre sulle fonti “user generated content” (quelli in cui si commentano le notizie o su cui gli utenti dibattono) la più citata risulta essere come detto Carrefour seguita da Esselunga e Conad.


Tra le fonti UGC più attive sul settore il lavoro di eXtrapola fa emergere la rilevanza dei forum che hanno come target i responsabili di acquisto delle famiglie: alFemminile conquista la seconda piazza fra i “nuovi media” per copertura del settore. Al di fuori dei vari aggregatori di notizie la leadership relativamente allo spazio dedicato interamente alla GDO risulta essere in mano a GDONews. Interessante anche la presenza del blog dei Lavoratori Unicoop.
Dati dell'autore:
Ha scritto 516 articoli
Dott. Alessandro Foroni

Esperto di sociologia, organizza reti vendita e merchandising a livello nazionale, prepara i funzionari alla negoziazione con il trade.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su