GDO News
Nessun commento

Selex chiude molto bene il 2009 e per il 2010 punta a sviluppare la sua Private Label

Selex è senza dubbio un gruppo storico della GDO con le sue insegne (soprattutto A&O) ben distribuite in tutto il territorio nazionale. E’ storicamente un Gruppo appartenente alla DO, ma nonostante ciò riesce, in modo efficace, a sviluppare programmi di Private Label di un certo spessore. Sele, ma tutta la DO in generale, oltre agli ovvi problemi di gestione multi-format, con diversi CeDi a cui spesso, troppo spesso, appartengono soprattutto piccoli PdV, è riuscito a porre in essere, dopo diversi anni una politica omogenea sulla Private Label. In risultato d tutto ciò si intravede dagli obbiettivi che si propongono per l’anno in corso: prima di tutto va detto che le vendite dei prodotti a marchio Selex sono aumentate del + 12,3% nel corso del 2009, contro una media di settore pari a + 9,2% e le referenze (food e non food) sono oggi 2.200, contro le 1.900 del 2008.
“I programmi per il 2010 — ha precisato Luca Vaccaro, Responsabile Marche Commerciali Selex – prevedono un ulteriore incremento dell’assortimento sia attraverso il potenziamento delle categorie esistenti, sia attraverso l’ingresso in nuove categorie. Prevediamo inoltre un incremento del 50% degli investimenti per comunicazione, ricerche sui consumatori e controllo della qualità dei prodotti”.
Per offrire ai consumatori una scelta completa, anche in termini di prezzo, Selex ha avviato un processo di segmentazione della sua proposta a marchio, con il lancio di diverse linee, ognuna caratterizzata da un preciso posizionamento.
Così, alla marca commerciale Selex, dall’ottimo rapporto qualità-prezzo, ha affiancato la linea premium “Selex Più”, specialità alimentari dalle caratteristiche qualitative e organolettiche elevate, distinguibili per la provenienza locale tipica, oltre che per processi di lavorazione tradizionali.
Il 2010 vedrà anche l’esordio della linea “primo prezzo” che nasce per offrire un prodotto con il prezzo più basso della sua categoria.
La proposta private label di Selex comprende anche “Vale”, l’altra marca commerciale del Gruppo adottata dalle imprese associate che operano in aree di sovrapposizione territoriale. Vi sono poi le due linee “Su” e “Vanto”, trattate dalla rete dei Cash & Carry Selex, studiate per i professionisti dell’Horeca e per il dettaglio alimentare.
Nei piani per il 2010, oltre all’aumento dei prodotti Selex, anche quello dell’assortimento “Selex Più”, che salirà a 100 referenze, delle linee “Su” e “Vanto”, da 400 a 500 referenze, e dei prodotti a marchio “Vale”, che a fine anno raggiungeranno 700 proposte.
I prodotti a marchio Selex verranno sostenuti da un intenso piano di comunicazione e da operazioni di taglio prezzi, alternate a concorsi e a grandi campagne a tema che verranno efficacemente evidenziate a scaffale e comunicate attraverso i volantini.
Insomma la differenziazione assortimentale, la volontà di strutturare in profondità l’offerta di Private Label è rivolta a solidificare la fidelizzazione con il proprio consumatore. L’espansione e il rinnovamento della rete di vendita sono tra i principali obiettivi anche per l’anno in corso, già cominciato molto bene con l’annessione dell’importante catena marchigiana CeDi Marche. Le Imprese Selex prevedono l’apertura di 102 nuove unità per 96.000 mq e numerose ristrutturazioni secondo i nuovi format messi a punto dalla Centrale.
Un importante piano di sviluppo e ammodernamento che comporterà investimenti diretti per 286 milioni di Euro e la creazione di 1.130 nuovi posti di lavoro, per un obiettivo di fatturato 2010 di 9.140 milioni di Euro (+7,5%).

Dati dell'autore:
Ha scritto 517 articoli
Dott. Alessandro Foroni

Esperto di sociologia, organizza reti vendita e merchandising a livello nazionale, prepara i funzionari alla negoziazione con il trade.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su