GDO News
1 commento

Trasporti condivisi: l’ultima sfida della GDO

Ridurre i costi di trasporti, aumentare i livelli di servizio e ridurre il numero di camion circolanti: sono questi gli obiettivi della sperimentazione denominata “Progetto Piattaforme Multiproduttore”, promossa da Indicod-Ecr sull’ottimizzazione dei flussi di merci provenienti dai produttori di beni verso i Centri di Distribuzione (Ce.Di) di alcuni importanti big della grande distribuzione nazionale: Auchan, Coop, Conad, Carrefour e Despar.
L’obiettivo è semplice: carichi sempre completi. Il cantiere è partito lo scorso luglio. Si tratta di cinque progetti pilota in ognuno dei quali alcuni fornitori di una catena di supermercati concentrano le spedizioni verso uno o due Ce.Di della catena stessa, saturando quanto più possibile i carichi. I Ce.Di dei gruppi coinvolti sono sparsi su tutto il territorio nazionale: Coop e Auchan in Lombardia, Conad in Emilia, Aligrup (Despar) in Sicilia e Carrefour in Piemonte.
Fra i produttori coinvolti, si segnalano fra gli altri: Campari, Colgate-Palmolive, Glaxosmithkline, L’Oréal, Johnson & Johnson, Nestlé. Precondizione necessaria al test è stata la condivisione, da parte di più fornitori (spesso all’interno della stessa categoria) della medesima piattaforma logistica, vale a dire il magazzino esternalizzato presso lo stesso operatore logistico o almeno del servizio di trasporto (nel caso di soluzione multi-picking). In questo modo diventa relativamente facile caricare con più marche i mezzi diretti ai Ce.Di..
Il progetto, realizzato da ECR Italia, ha un precedente su scala ridotta presso Coop Italia, dove, fra 2007 e 2008, è stata attuata una micro-sperimentazione di nove mesi in collaborazione con Number One Logistic. Durante tale periodo Coop aveva sincronizzato appunto le consegne di tre fornitori che condividevano il magazzino presso Number1 Logistic, con risultati soddisfacenti.
Fra luglio e fine ottobre sono partiti i cinque progetti pilota, ognuno dei quali riguardante un settore specifico: prodotti alimentari secchi, personal care, profumeria, detergenza, bevande. Rimane invece in stand-by un sesto cantiere sul fresco, in attesa di verificare gli effettivi spazi per migliorare l’attuale saturazione dei mezzi. Nella maggior parte dei casi la prassi per il riordino di ogni referenza presente sullo scaffale, prevede un ordine da parte del Centro Distribuzione dell’operatore GDO (Coop, Carrefour, ecc.) direttamente al produttore della merce da rimpiazzare. La consegna di ogni produttore al Ce.Di avviene conseguentemente in modo autonomo, senza alcun coordinamento con altri fornitori.
I progetti pilota invece dovranno sperimentare un’organizzazione sensibilmente diversa. Quando un Ce.Di effettuerà un ordine per un raggruppamento di prodotti coinvolti nella sperimentazione dovrà virtualmente considerare i fornitori che condividono il magazzino presso il medesimo operatore logistico come fossero uno solo. Verrà così inserito un ordine sull’intero assortimento merci, anche se queste si riferiranno a produttori diversi. In un secondo momento l’ordine verrà “splittato” e imputato a ciascun produttore per la propria parte. Parallelamente verrà informato dell’ordine anche l’operatore che gestisce il magazzino condiviso, che apprenderà così di dover organizzare un unico trasporto per l’insieme dei prodotti ordinati.
I benefici attesi dovrebbero esserci per tutti: distributori, fornitori e operatori logistici. Per i primi e i secondi potrebbe trattarsi (il condizionale è d’obbligo) di un’ottima occasione per recuperare efficienza nei trasporti e ripartirsi così i minori costi derivanti dai carichi ottimizzati. Inoltre non è da escludersi una riduzione delle rotture di stock, dovuta all’aumento delle frequenze di riordino, soprattutto per i prodotti bassovendenti. Per gli operatori logistici ai minori costi si potrebbe aggiungere anche un importante vantaggio commerciale. Se il deposito multiproduttore diventasse prassi nella GDO, si aprirebbero opportunità interessanti per allargare la cerchia dei propri clienti, soprattutto in caso di piattaforme specializzate su determinate categorie merceologiche.
C’è infine da considerare l’impatto potenziale sull’ambiente, grazie alla riduzione del numero di veicoli in circolazione.
Tra breve saranno disponibili i risultati della sperimentazione e non mancheremo di rendervene conto.

[via tendenzeonline.info]

Dati dell'autore:
Ha scritto 300 articoli

Di formazione giornalistica, esperta in comunicazioni di massa.

Q COMMENTO
  1. aldo

    questo sisema è già imposto da anni dalla distribuzione in Francia, Total per le sue stazioni di servizio, obbliga i fornitori a consorziarsi ed ad effettuare una consegna unica, in pratica il distributore ha il vantaggio di ricevere tutta la merce assieme, con riduzione di tempi morti, l’industria di ridurre i costi di trasporto massimizzando i carichi

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su