GDO News
Nessun commento

Sigma aumenta del 10% la vendita dei prodotti a marchio

Chiude in positivo il bilancio 2008 di Sigma – Società Italiana Gruppi Mercantili Associati, una delle realtà più importanti aderente a Confcooperative e operante nella grande distribuzione nazionale – con oltre 2,85 miliardi di euro di fatturato alle vendite, con un incremento del 9,5% sul 2007, sviluppato su una rete di 2.000 punti vendita e più di 1.000 negozi di prossimità, diffusi capillarmente sul territorio nazionale. Il bilancio evidenzia un incremento a due cifre del ristorno di fine anno riservato ai Soci della cooperativa, che segna un +63% rispetto all?esercizio precedente. In un anno critico per i bilanci delle famiglie, segnato dall’?inizio della crisi economica, per sostenere il potere d?acquisto dei suoi clienti, Sigma ha accentuato gli investimenti a favore del rapporto qualità-convenienza, assicurando prezzi contenuti soprattutto con l?offerta dei prodotti a marchio, che registrano un aumento delle vendite del 10% e che vengono acquistati da quasi il 90% dei clienti, grazie al risparmio medio del 30% che offrono rispetto ai prodotti di marca. 1.200 referenze arricchite nel 2008 dalla Linea Premium top di gamma Scelto, che propone esclusive specialità regionali, prodotti enogastronomici da tutto il mondo, prodotti biologici e solidali. Ma anche in ambito di strategie, l’insegna si muove bene rinnovando per il prossimo quinquennio 2009-2013 la partnership avviata nel 2004 con Coop Italia nell’ambito di Centrale Italiana, con lo scopo di ampliarne i contenuti e le aree di collaborazione.
Sin dalla sua nascita, Sigma ha puntato alla realizzazione di una vasta gamma di prodotti a marchio, che oggi supera le 1.200 referenze. Per arricchire ulteriormente tale offerta, nel 2008 è nata la Linea Premium top di Gamma Scelto, che attualmente conta 70 referenze destinate a crescere.

Dati dell'autore:
Ha scritto 516 articoli
Dott. Alessandro Foroni

Esperto di sociologia, organizza reti vendita e merchandising a livello nazionale, prepara i funzionari alla negoziazione con il trade.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su