GDO News
1 commento

Cambio ai vertici del Gruppo Selex: Giovanni Pomarico è il nuovo Presidente

Nel corso dell’Assemblea generale del 19 giugno, tenutasi a Polignano a Mare (Ba), sono state rinnovate le cariche sociali del Gruppo Selex ed eletto il nuovo Presidente: il Cav. Giovanni Pomarico, Presidente e Amministratore unico del Gruppo Megamark di Trani (Ba). Pomarico sostituisce alla guida di Selex il Cav. Marcello Cestaro, titolare, insieme al fratello Mario, del Gruppo Unicomm di Vicenza, che lascia l’incarico dopo nove anni di mandato e conserva la qualifica di Consigliere di Amministrazione. Compongono il Cda i due Vice Presidenti Dario Brendolan (Commerciale Brendolan di Verona) e Salvatore Abate (Roberto Abate di Catania) e, oltre a Cestaro, i Consiglieri Marco Franchini (Nuova Distribuzione di Turate, Co), Giangiuseppe Murgia (Superemme di Cagliari) e Luciano Revello (Maxi Dimar di Cuneo). Sono stati confermati i componenti del Collegio Sindacale uscente: Roberto Lugano (Presidente), Fulvio Ferrarini e Alessandra Nappi. L’Assemblea ha espresso un caloroso ringraziamento a Marcello Cestaro, che ha condotto il Gruppo in questi anni di crescita e risultati positivi. Nel corso della sua presidenza, infatti, Selex ha ampliato la sua presenza su tutto il territorio nazionale: a fine 2000 erano 1.903 i punti di vendita per 1 milione di mq e oggi sono saliti a 3.192, per un totale di circa 2 milioni di mq.Raddoppiato anche il giro d’affari: da 4,4 miliardi di euro nel 2000 a 8,8 miliardi di euro previsti nel 2009. Risultati che hanno portato a un forte incremento della quota di mercato. Oggi, infatti, con una share dell’ 8,8%, Selex è tra i primi gruppi della distribuzione moderna italiana, con un organico di oltre 30.000 addetti.Il neopresidente, Giovanni Pomarico, raccoglie il testimone, consapevole delle nuove sfide che attendono il Gruppo.

“Il mio desiderio, e anche il mio obiettivo – ha affermato Pomarico – è di proseguire nel solco che il mio predecessore ha saputo tracciare con coerenza e determinazione in questi anni decisivi per la nostra organizzazione. Nella certezza che solo unite, le medie imprese distributive dinamiche potranno continuare a crescere e confrontarsi con successo in un mercato sempre più competitivo e complesso.La nostra esperienza e la profonda conoscenza del territorio, ma soprattutto la coesione, sono e saranno le nostre carte vincenti, insieme all’entusiasmo che ci ha portato a diventare quello che siamo oggi: la più importante realtà associativa delle medie imprese indipendenti italiane della moderna distribuzione”.

I programmi di sviluppo del Gruppo Selex

Nei primi quattro mesi di quest’anno, nonostante il perdurare della stagnazione dei consumi, il Gruppo Selex ha registrato un aumento delle vendite a parità di rete del + 2,8%, contro una crescita media del mercato inferiore all’1%. Considerando anche le numerose nuove aperture, la crescita nel primo quadrimestre dell’anno è stata del + 11,5%, rispetto a una media generale del + 3,8% (Fonte: Iri, Lcc aprile 2009). Nel corso di quest’anno, Selex completerà il piano di aperture di 92 nuovi punti di vendita per un totale di 86.000 mq di superficie e la ristrutturazione di molte unità esistenti, per un investimento complessivo di 275 milioni di euro e 750 nuovi posti di lavoro.

Dati dell'autore:
Ha scritto 516 articoli
Dott. Alessandro Foroni

Esperto di sociologia, organizza reti vendita e merchandising a livello nazionale, prepara i funzionari alla negoziazione con il trade.

Q COMMENTO
  1. Pasquale Alighieri Russo

    Al Sig. Cav. Giovanni Pomarico. Salve sono Pasquale Alighieri Russo che dopo circa 18 anni di lavoro con il gruppo Mida 3 sono caduto nel gioco dei sindacati e dell’ azienda; Cav. Pomarico sono circa quattro anni e mezzo che non trovo pace, sono rimasto senza lavoro dal Settembre del 2010 dopo essere stato raggirato dai sindacati che mi hanno portato alla perdita del mio posto di lavoro.La supplico enormemente ho famiglia due ragazzi da crescere e farli studiare , ma con questa mia situazione credo di non poter fare di più, sono costretto a rivolgermi alla Caritas per un pasto giornaliero, ci siamo ridotti cosi male non credevo di trovarmi con questi problemi dopo essere stato sempre corretto e disponibile con L’azienda. Ho saputo che ci sono delle nuove assunzioni ve ne sarei grado immensamente per un reintegro al mio posto di lavoro, datemi questa possibilità , fatelo per i miei figli datemi un aiuto, Auguri e grazie di vero cuore.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su