GDO News
Nessun commento

Lidl rivoluzionaria: vende auto sul Web

Il marchio tedesco sembra non conoscere crisi: non solo aperture di discount in Svizzera e programmi di esppansione in Italia, ma anche aumento del ventaglio di opportunità per il consumatore: in Germania vende sul web auto superscontate.
Lidl in collaborazione con il distributore tedesco ATG-automobile ha deciso di vendere automobili scontate attraverso il suo portale internet, sul video compaiono Opel corsa a prezzo scontato ma nuove di zecca con un risparmio del 25%. Petra Trabert portavoce di Lidl per la Germania, ha presentato l’iniziativa con entusiasmo ponendola sotto i migliori auspici. Ferdinand Dudenhoeffer, direttore del Center for automotive research, è scettico e ricorda come si sia già tentata in Germania una esperienza simile, con risultati non eclatanti, perché , spiega ” i tedeschi farebbero fatica a rinunciare a contrattare sul prezzo”. Anche Lidl sta seguendo l’esempio di molte catene commerciali di rendere possibili le integrazione fra l’offerta di beni di consumo e servizi alla clientela (vedi Finiper in Italia; Carrefour in Italia ma soprattutto Francia e Spagna). Da molti anni le più importanti strutture commerciali usufruiscono dei loro plus ed in modo particolare dell’attrazione e del passaggio dei clienti per completare la loro offerta con altre offerte di servizi. In particolare , si ricorda , anche Wal-Mal che prevedeva addirittura nei suoi programmi l’apertura di sportelli bancari di proprietà negli Stati Uniti, con il senno del poi sappiamo oggi a quali rischi sarebbe andato incontro il colosso nordamericano.
Ciò che si percepisce è la divergenza fra realtà diverse: la crisi denunciata da tutti gli operatori di mercato da una parte e le plus valenze evidenziate dai retailers più importanti della gdo come la marca tedesca, dall’altra.
Sarebbe opportuno ricordare alla Lidl , retailer dall’immagine discreta ma con ottime ambizioni , che è di queste ore la pubblicazione dei dati sul calo delle vendite auto in Europa, -18,3%, in via di rallentamento a dire la verità determinato dall’introduzione degli incentivi dei rispettivi governi.

Dati dell'autore:
Ha scritto 300 articoli

Di formazione giornalistica, esperta in comunicazioni di massa.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su