GDO News
Nessun commento

Estate 2008: un periodo di sacrifici e di bassa vendita

Si è appena conclusa la stagione estiva e il bilancio delle vendite appare disastroso. Diciamo appare perché le notizie in nostro possesso sono dati di vendita (sell out) estemporanei, estratti a macchia di leopardo, non ufficializzati da nessun ente riconosciuto. Però i numeri che circolano vanno univocamente verso un’unica direzione: la contrazione delle vendite. Dividiamo i contesti:

Alimentare
Il settore regge alla crisi in termini di fatturato ma non in termini di marginalità. Una buona parte dei prodotti del food subiscono impennate inflattive consistenti, cosicchè,in definitiva, il beneficio di fatturato deriva principalmente dall’aumento della materia prima e non certo dall’aumento dei volumi di vendita. Appare, invero,chiaro che vi sia una diminuzione dei volumi di vendita, soprattutto sui derivati della farina, determinato soprattutto dalla necessità, da parte del consumatore di modificare le sue abitudini alimentari in virtù della sopraggiunta impossibilità di mantenere le precedenti. Questo fenomeno è il più pericoloso, perché le nuove attitudini non sono prevedibili in quanto poco consolidate, molto variabili perché deboli.

Non Alimentare
Il reparto è in crisi, perché negarlo. Oggi si compra solo lo stretto necessario, soprattutto nel negozio di prossimità. Però questa presa di coscienza determina una paura da parte dell’operatore all’acquisto che spesso riduce o rinuncia all’esposizione di prodotti ritenuti non indispensabili. Questo è il punto nodale.
Il mondo del non alimentare è troppo variegato per poter essere oggetto di profonda analisi unitaria, ma presenta delle caratteristiche comuni: non sono le basi dell’assortimento della GDO, in nessun caso; sono spesso soggette a frequenti operazioni promozionali; hanno interessanti marginalità.
Il non alimentare non ha trovato una stagione prolifica nell’estate appena trascorsa. La campagna della primavera è stata attanagliata dalla pessima stagione, temperature basse, pioggia a getto continuo, come d’altro canto il turismo, ha sofferto moltissimo. Però le cose non sono andate meglio nei mesi estivi: il non alimentare non ha fatto furore a parte il giocattolo che, bene o male, dappertutto ha pareggiato i fatturati dello scorso anno. La coda dell’estate è , invece, rappresentata dalla campagna Scuola, un momento importante per la GDO. Anche qui i numeri sono stati timidissimi e molto preoccupanti sino ai primi dieci giorni di settembre. Poi tutto ha ricominciato a muoversi. Insomma una stagione negativa, anche se per i dati definitivi bisogna ancora attendere.

Conclusioni
Non si può pensare che la crisi è qualcosa di passeggero, che si risolverà entro breve, che i consumi sono altalenanti. Le cose stanno andando non bene, è un dato di fatto. Ma noi continuiamo a non fare nulla per migliorare i nostri standard di offerta. I momenti di crisi sono i momenti dei coraggiosi, ovvero periodi dove bisogna inventare qualcosa e rischiare di sbagliare. La collaborazione tra fornitore ed industria può aiutare a sbagliare di meno e rischiare di meno, ma non si può pensare che la gestione delle situazioni economiche possano essere gestite come nel passato. Non è un sottocosto, ne un apertura domenicale che ti risolve il problema. La voglia di nuovo business, di nuovi lay out, di nuove iniziative promozionali, da queste considerazioni devono partire i rinnovati orientamenti della GDO, assieme ad una rinnovata volontà di creare spirito di collaborazione tra Industria e Distribuzione.

Dati dell'autore:
Ha scritto 769 articoli
Dott. Andrea Meneghini

Analista ed esperto di Grande Distribuzione alimentare.E’ un attento osservatore delle dinamiche evolutive dei format discount e supermercati in Italia ed in Europa. Opera come manager per alcuni gruppi alimentari sullo sviluppo all’estero, soprattutto nord Europa e Medio Oriente. Ha scritto il libro per la catena Lillo Spa “Vent’anni di un successo”.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su