GDO News
Nessun commento

Ferragosto? Al supermercato

A salvare i forzati del Ferragosto saranno supermercati e grandi magazzini, unica certezza in una città che ogni anno, intorno al 10 di agosto, abbassa la saracinesca e va in vacanza. Lasciando interi quartieri senza beni di prima necessità e costringendo quelli che restano a casa alla ricerca disperata di un alimentare aperto. Quest´anno, per esempio a Milano, secondo la stima di Federdistribuzione i negozi che saranno aperti tutto il mese – escluse le domeniche – sono 245 di cui 186 alimentari, quasi il 10 per cento in più dell´anno scorso (erano 225). Di questi, 54 saranno aperti nel giorno centrale del mese (48 sono alimentari) assicurando così una copertura, seppur minima, del territorio, soprattutto in centro. “A garantire l´apertura degli esercizi commerciali nei periodi in cui storicamente la città è meno popolata – spiega Paolo Barberini, presidente di Federdistribuzione – è l´impegno che le aziende si assumono per offrire un servizio vitale e per migliorare la vita dei cittadini. Le aperture nei mesi estivi hanno assunto un carattere di servizio sociale”. Anche grazie al sempre più diffuso servizio a domicilio che facilita la vita della popolazione più debole, come gli anziani, che non è costretta a uscire di casa alla ricerca di una vetrina aperta. Vocazione, quella del servizio sociale, che la maggior parte dei negozi di quartiere non può più permettersi sia per la concorrenza della grande distribuzione che per la tradizionale gestione familiare che impedisce la turnazione del personale.

Dati dell'autore:
Ha scritto 300 articoli

Di formazione giornalistica, esperta in comunicazioni di massa.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su