GDO News
Nessun commento

Spagna: Carrefour aumenta del 40% il servizio finanziario di invio denaro per gli stranieri

Il fenomeno immigratorio ha in se aspetti economici di rilievo, infatti il business delle rimesse verso i Paesi di origine è di assoluta rilevanza. Carrefour in Francia e Spagna presenta a fianco alle casse un buon numero di utilities assolutamente strategiche agli obbiettivi dell’aumento del “traffico” dei consumatori. Una di queste è appunto la gestione di servizi finanziari con offerte vantaggiose su una buona parte dei pacchetti. Una di queste attiene alle rimesse all’estero, servizio di assoluta importanza per gli stranieri immigrati in terra iberica. Ma è un grande business anche in Italia. Ebbene, il servizio in questione, nell’anno 2007, ha avuto un tale successo da essere descritto con enfasi in una rivista di settore, di cui vi traduciamo alcuni stralci: “[..] Il servizio di invio di denaro all’estero, che Carrefour presta attraverso le sue filiali Finanza e Assicurazioni, ha chiuso il 2007 con un incremento del numero dei trasferimenti del 40% rispetto al 2006, per arrivare ad un fatturato di 38 milioni di euro, come ha spiegato lo stesso Gruppo in un comunicato. Ad oggi questo servizio è prestato solo negli Ipermercati, ma verrà esteso anche ai format più piccoli (già 3 supermercati lo hanno a disposizione). Questo servizio – ricorda il comunicato – permette agli stranieri di inviare denaro nel proprio Paese senza avere la disponibilità di un conto corrente bancario. Il serivizio si può utilizzare in un totale di 170 Peasi e più di 170.000 uffici di tutto il mondo. Le destinazioni più abituali delle rimesse inviate dalla Spagna sono Romania, Colombia, Perù, Ecuador, Argentina, Brasile, Bulgaria, Marocco e Senegal”. Anche da noi sarebbe una grande opportunità per creare un traffico, soprattutto per i format del Discount.

Dati dell'autore:
Ha scritto 300 articoli

Di formazione giornalistica, esperta in comunicazioni di massa.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su