GDO News
Nessun commento

Carrefour alla conquista del mercato dei carburanti

Con i nuovi distributori di carburante aperti lo scorso dicembre nel centro commerciale di Leinì (To) a fianco del punto di vendita, salgono a quota 18 gli impianti gestiti da Carrefour, situati in prossimità dei parcheggi dei principali centri commerciali dove sono presenti gli ipermercati del Gruppo.
A Nichelino (To), Portogruaro (Ve), Massa Carrara, Camerano (An), Calenzano (Fi), e Leinì (To), i distributori sono a insegna Carrefour, mentre ad Aosta, Burolo (To), Giussano (Mi), Casoria (Na), e Torino-Corso Grosseto sono in co-branding rispettivamente con Tamoil, Erg, Q8 e Shell. I restanti 7 hanno invece la bandiera delle principali compagnie petrolifere. È questa l’interpretazione che il colosso francese da al mercato.
Le due nuove stazioni di carburante, situate su una superficie di circa 2.000 mq, erogano benzina verde e gasolio e si articolano in 3 isole multi-dispenser con 3 erogatori: uno self-service 24h e 2 in post-pay alla cassa posizionata in uscita. Nelle ore di chiusura entrambi gli impianti funzioneranno in modalità self-service ante-pay.
La politica di prezzo, in linea con la strategia di offrire al consumatore un prodotto il più conveniente possibile, prevede sconti fino a 7 centesimi al litro rispetto al prezzo medio depositato dalle compagnie. Chi paga con Carta Pass, la carta di credito degli ipermercati Carrefour, gode di un ulteriore sconto di 5 centesimi.

Dati dell'autore:
Ha scritto 757 articoli
Dott. Andrea Meneghini

Analista ed esperto di Grande Distribuzione alimentare.E’ un attento osservatore delle dinamiche evolutive dei format discount e supermercati in Italia ed in Europa. Opera come manager per alcuni gruppi alimentari sullo sviluppo all’estero, soprattutto nord Europa e Medio Oriente. Ha scritto il libro per la catena Lillo Spa “Vent’anni di un successo”.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su