GDO News
1 commento

Farmaci nella GDO: prime stime

Ultimamente ci sorge spesso la domanda se i supermercati e ipermercati rappresentino davvero una minaccia per le farmacie. Diciamo che, anche se i numeri dei ricavi non sono straordinari, i fatturati non vanno così male. In un recente articolo su Tendenzeonline, Stefania Antonelli descrive la situazione cosi: “[...] Le farmacie italiane sono più di 17mila, mentre i punti vendita che hanno iniziato a commercializzare farmaci da banco, tra grande distribuzione e parafarmacie, non raggiungono il migliaio. Nonostante questa consistente inferiorità numerica, le preferenze dei consumatori mostrano una netta preponderanza della gdo. Secondo un’elaborazione su dati Nielsen risalenti a marzo 2007, le vendite medie settimanali di farmaci OTC vedono gli ipermercati dominare la situazione con 1.900 confezioni, contro le 390 delle farmacie e le 220 delle parafarmacie. Numeri molto eloquenti, se si considera che l’assortimento medio di un supermercato comprende 180 referenze, mentre quello di una farmacia, con 900 referenze, è molto più ricco. Se è vero che – dato il numero ridotto di corner farmaceutici – il peso dei canali rivela un rapporto schiacciante a favore delle farmacie, che veicolano il 97,3% del totale farmaci da banco, mentre la grande distribuzione veicola i due terzi della restante quota, è anche vero che i consumatori hanno mostrato di apprezzare molto la possibilità di acquistare farmaci al supermercato. E considerando che i farmaci OTC possono fruttare alla gdo un giro d’affari di 600mila euro all’anno (120mila euro alle farmacie e 60mila alle parafarmacie) e soprattutto creare traffico di clienti, trainando anche le vendite del corner parafarmaceutico, si può facilmente intuire come sia nell’interesse della distribuzione moderna aumentare i punti vendita dotati di corner, nonostante il costo relativo alla presenza del farmacista. Si stima che il prossimo anno possano aggiungersi altri 100-150 angoli farmaceutici nel mass market. Ma il favore del pubblico da cosa dipende? Sicuramente i prezzi più bassi possono attirare. È vero che le farmacie stanno applicando sconti medi del 10%, con punte più alte sui farmaci venduti anche in gdo, ma dall’analisi delle prime 15 referenze a più elevata rotazione – responsabili di oltre il 30% del giro d’affari complessivo dei farmaci da banco – effettuata da IMS Health e IRI Information Resources – emerge che i corner della gdo applicano uno sconto medio ancora maggiore: del 23,3%. Ma non sembra essere il prezzo il fattore dominante che determina il successo di questi corner. Da un’indagine IRI (Shopper Insight) emerge che la ragione principale (per l’82% degli intervistati) risiede nella comodità di poter acquistare tutto in uno stesso punto vendita e nel risparmio di tempo che ne deriva.” Questa è la cosa più interessante: è indubitabile che il traffico creato dalle strutture della Grande Distribuzione è enormemente superiore a quello di ogni categoria specializzata. Questo permette un forte sell out del prodotto il quale viene presentato sotto forte pressione promozionale nonostante questo non sia così determinante nell’impulso all’acquisto.

Dati dell'autore:
Ha scritto 757 articoli
Dott. Andrea Meneghini

Analista ed esperto di Grande Distribuzione alimentare.E’ un attento osservatore delle dinamiche evolutive dei format discount e supermercati in Italia ed in Europa. Opera come manager per alcuni gruppi alimentari sullo sviluppo all’estero, soprattutto nord Europa e Medio Oriente. Ha scritto il libro per la catena Lillo Spa “Vent’anni di un successo”.

Q COMMENTO

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su