GDO News
2 Commenti

La Rivista “L’Espresso” racconta il fenomeno Calabria dal lato della Grande Distribuzione

“L’Espresso” di qualche settimana fa ha pubblicato un articolo mettendo in risalto l’approdo del gruppo francese Auchan in terra calabra. Auchan sbarca “con la formula del franchising che per la prima volta i francesi utilizzano per aprire Ipermercati con il marchio Auchan” attraverso il gruppo alleato in zona, AZ Spa, che “opera in Calabria da quasi 30 anni con insegna Sidis, controllando direttamente 22 supermercati con vendite alla cassa che superano i 250 milioni di euro e con 1.100 dipendenti. L’intesa riguarda 6 Ipermercati: tre gia esistenti, che saranno trasformati da Sidis a Auchan ed altri tre nuovi di zecca da aprire tra il 2007 ed il 2008”. L’Amministratore Delegato del gruppo calabrese Floriano Noto ha poi spiegato le motivazioni che hanno portato all’accordo con i francesi, riconducibili al know how sul settore non food. L’obbiettivo dei Noto e di Auchan è di individuare posizioni giuste dei nuovi Grandi Magazzini che dovranno poi essere in grado di sviluppare fatturati intorno ai 50 milioni di euro. Infine il giornalista dell’Espresso ha chiesto all’Ad di Auchan se a loro non fa paura la ’ndrangheta. No, ha risposto Benoit Lheureux, Auchan contribuisce a portare legalità e lavoro, Auchan è ben visto nei territori di grande disoccupazione.

Dati dell'autore:
Ha scritto 769 articoli
Dott. Andrea Meneghini

Analista ed esperto di Grande Distribuzione alimentare.E’ un attento osservatore delle dinamiche evolutive dei format discount e supermercati in Italia ed in Europa. Opera come manager per alcuni gruppi alimentari sullo sviluppo all’estero, soprattutto nord Europa e Medio Oriente. Ha scritto il libro per la catena Lillo Spa “Vent’anni di un successo”.

2 COMMENTI
  1. giovanni

    si invita cortesemente di avviare super controlli, in alcuni supermercati,nel contesto della legalità il lavoro di centinaia di lavoratori i quali lavorano in nero…..

  2. manu

    mi spiace ma in auchan tutti sono pagati da contratto e purtroppo anche i nulla facenti…

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su