GDO News
Nessun commento

I ladri vanno ghiotti per il Parmigiano

Il Parmigiano Reggiano è il prodotto alimentare più rubato nei supermercati italiani con i furti che raggiungono il valore di ben il 9 percento del prodotto venduto. In altre parole viene sottratto dagli scaffali quasi un pezzo ogni dieci che ne vengono venduti. E’ quanto afferma la Coldiretti con riferimento al sesto rapporto del “Barometro europeo dei furti nella vendita al dettaglio”, realizzato con il supporto di Checkpoint system, che registra in Italia nel 2006 un aumento dei furti tra i prodotti alimentari venduti nei supermercati. Dopo il Parmigiano Reggiano – sottolinea la Coldiretti – si classifica la carne con il 5,5 per cento delle perdite e la conquista del posto d’onore tra i cibi piu’ desiderati dai ladri, mentre con il 2 per cento seguono i vini e i superalcoli che salgono comunque sul podio.
Secondo i dati Ismea-Ac Nielsen gli acquisti domestici di Parmigiano Reggiano sono aumentati del 2,2 per cento, per un totale di oltre 21mila tonnellate, nei soli primi otto mesi del 2006. Complessivamente, tra prodotti alimentari e non, gli ammanchi dovuti a errori, furti, danni e taccheggi nella distribuzione commerciale ammontano in Italia – riferisce la Coldiretti – a 2,6 miliardi di Euro, con una percentuale del fatturato dell’1,24 per cento, in leggero calo rispetto allo scorso anno (1,26 per cento).
Tra i non alimentari viene rubata quasi una lametta di barba ogni cinque ma scompaiono facilmente anche cartucce per stampanti, prodotti cosmetici, dvd, cd musicali e videogame (5,5 per cento). Il costo delle perdite subite a causa dei furti viene a gravare sui normali acquisti dei cittadini per un valore stimato pari in Italia a circa 178 euro per famiglia. Il primato del prodotto piu’ desiderato dai ladri, raggiunto dal Parmigiano Reggiano sul territorio nazionale, si aggiunge a quello conquistato in terra straniera dove – sostiene la Coldiretti – risulta essere la specialità alimentare nazionale piu’ imitata.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su