GDO News
1 commento

Come ottimizzare costi e migliorare le vendite con il “pret à vendre”

Tesco lo utilizza da due anni, Carrefour, dopo averlo sperimentato per un anno, intende farne la sua arma commerciale entro il 2007: è il pr?t à vendre (self ready packaging in inglese).
La tecnica, che secondo molti rivoluzionerà la GdO, consiste nel presentare i prodotti in vendita nei supermercati non singolarmente, ma assemblati in contenitori di cartone forniti dalle stesse aziende.
Un principio non innovativo: l’hard discount ne ha fatto da dieci anni il proprio credo.
La grande novità però sta nel suo utilizzo nella distribuzione organizzata.
Semplice la spiegazione: moltiplicare la produttività della filiera e abbattere i costi.
“Un terzo del prezzo dei prodotti venduti negli ipermercati-nota un consulente- si fa negli ultimi dieci metri, a causa dei costi degli addetti alla scaffalatura. Con pr?t à vendre non solo la distribuzione risparmia soldi, ma anche tempo, migliorando la produttività della catena logistica”.
Vantaggi che non riguardano solo il retail, ma anche l’industria, che in questo modo può dare ampia visibilità ai suoi prodotti (grazie ai contenitori, tutti brandizzati) e gli stessi consumatori, che possono trovare la merce con più facilità.
“Per noi è un progetto prioritario- spiega Xavier Hua- direttore delle relazioni con i fornitori della catena logistica Carrefour- il 50% dei prodotti presenti nei nostri magazzini entro il 2007 sarà venduto con questa tecnica, mentre estenderemo il pr?t à vendre a tutti i prodotti a nostro marchio, sia in Francia che all’estero.”

Dati dell'autore:
Ha scritto 517 articoli
Dott. Alessandro Foroni

Esperto di sociologia, organizza reti vendita e merchandising a livello nazionale, prepara i funzionari alla negoziazione con il trade.

Q COMMENTO
  1. Marco Cossu

    Domando? che fine farà la shopping experience nel canale moderno se anche i format più evoluti (superstore e iperstore in particolare)finiranno per gestire gli assortimenti nel pdv come gli HD? Cosa direbbero i “padri” dello space allocation, nato proprio dalla vendita self-services per stimolare gli acquisti di impulso e migliorare la reddittività del lineare per salvaguardare margini e volumi…se tutto tanto si limita a rifornire…rifornire..rifornire ..come faceva Ziu Federicu nella bottega sotto casa??

    A voi larga sentenza….

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su