GDO News
Nessun commento

ITX: cosa sei….e dove sei?!

Qualche mese fa fece scandalo la vicenda dell’ITX, ovvero di quella sostanza presente sulle confezioni dei prodotti in cartone che talvolta attraversano la carta ed il rivestimento interno per arrivare al prodotto con il possibile rischio di intossicare il consumatore. Lo scandalo si fece importante quando si constatò che tale problema era occorso su prodotti usati per alimentare i bambini e fosse responsabile una grande multinazionale, la Nestlè danneggiata, si disse, da un errore della Tetra Pack. Fu in effetti uno scandalo ragionevole data la quota di mercato di Milupa Nestlè, e soprattutto di Tetra Pack, ma troppo presto messo da parte senza troppi approfondimenti. Ed a torto. L’ITX è una sostanza che ha la funzione di asciugare l’inchiostro sulle confezioni stampate con un sistema denominato off-set Uv e che con ogni probabilità ha trapassato in quell’occasione la confezione durante la fase di stoccaggio del materiale con cui vengono successivamente realizzati gli imballaggi. Il 7 Dicembre 2005 l’EFSA (Autorità Europea Per La Sicurezza Alimentare) ha reso pubblico un documento scientifico dove certifica che, sulla base dei pochissimi studi disponibili, e sui dati di contaminazione forniti da Tetra Pack, sembra esclusa un attività genotossica di questa sostanza. Però nulla si può dire sugli altri effetti tossici della sostanza data la totale assenza di dati. Così al momento non si può dire che sia nociva ma solo perché non sono stati fatti studi. Poi alla fine del mese di Dicembre è stato reso pubblico, ma non troppo pubblicizzato, che i prodotti nei quali sono state trovate tracce di ITX all’esterno della confezione sono una dozzina su due periodi diversi, ma soprattutto che sono stati trovati anche all’interno degli stessi prodotti in due casi: uno è Milupa, l’altro è Santal Arancia e Santal Arance Rosse. Dal 31 Gennaio la Tetra Pack ha bandito l’ITX, ma i prodotti già in vendita? Tutta la vicenda è stata tenuta a basso profilo da quasi tutta l’informazione, che si è invece preoccupata di diffondere quando qualsiasi uccello morto per un qualsiasi motivo, in tutta europa, venisse scoperto. Che strano…

Dati dell'autore:
Ha scritto 300 articoli

Di formazione giornalistica, esperta in comunicazioni di massa.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su